×

Sea Watch 3, la Germania pronta ad accogliere un terzo dei migranti

Una dozzina di migranti a bordo della Sea Watch 3 sarà accolta dalla Germania. A bordo c'erano in totale 42 persone

germania sea watch

La Germania fa sapere che accoglierà un terzo dei migranti che erano a bordo della Sea Watch 3 e che sono stati portati in salvo nella notte tra il 28 e il 29 giugno 2019 dalla capitana (arrestata) Carola Rackete nella città di Lampedusa. La notizia è stata diffusa dalla testata online Spiegel. A bordo dell’imbarcazione c’erano in totale 42 migranti. La Germania apre le sue braccia a 12 persone.

Germania determinata

L’ong tedesca è più che mai determinata a continuare le operazioni di salvataggio dei migranti nel Mar Mediterrano -e se necessario agirà per mezzo di una nuova imbarcazione. Intanto è certo che la Germania è pronta a ad accogliere una dozzina di persone tra quelle che per tre giorni sono rimaste a bordo della Sea Watch 3 poi sbarcata a Lampedusa.

Anche la Francia tende la mano: il Paese è infatti intento a prestare soccorso ad altre 10 persone tra i 42 migranti della Sea Watch 3: “il ministro degli Esteri italiano Enzo Moavero ha accolto questo impegno” riferisce il ministro dell’interno francese Christophe Castaner.

Intanto lunedì 1 luglio 2019 la comandante tedesca Carola Rackete è stata interrogata per circa tre ore dal gip del Tribunale di Agrigento. Il processo riguarda la convalida dell’arresto della 31enne emesso dalla Guardia di Finanza a Lampedusa. Salvini ha definito la comandante una criminale: “non c’era stato di necessità e c’è stato deliberatamente un attacco ad una nave militare italiana. Se non basta questo per stare in carcere non so cosa bisogna fare” stando alle ultime parole del vicepremier.

Nata a Trinitapoli (BAT), classe 1994, è laureta in "Comunicazione, media e pubblicità" presso la IULM. Collabora con Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Giorgia Giuliano

Nata a Trinitapoli (BAT), classe 1994, è laureta in "Comunicazione, media e pubblicità" presso la IULM. Collabora con Notizie.it.

Leggi anche