Sea Watch 3, la Germania pronta ad accogliere un terzo dei migranti
Esteri

Sea Watch 3, la Germania pronta ad accogliere un terzo dei migranti

germania sea watch

Una dozzina di migranti a bordo della Sea Watch 3 sarà accolta dalla Germania. A bordo c'erano in totale 42 persone

La Germania fa sapere che accoglierà un terzo dei migranti che erano a bordo della Sea Watch 3 e che sono stati portati in salvo nella notte tra il 28 e il 29 giugno 2019 dalla capitana (arrestata) Carola Rackete nella città di Lampedusa. La notizia è stata diffusa dalla testata online Spiegel. A bordo dell’imbarcazione c’erano in totale 42 migranti. La Germania apre le sue braccia a 12 persone.

Germania determinata

L’ong tedesca è più che mai determinata a continuare le operazioni di salvataggio dei migranti nel Mar Mediterrano -e se necessario agirà per mezzo di una nuova imbarcazione. Intanto è certo che la Germania è pronta a ad accogliere una dozzina di persone tra quelle che per tre giorni sono rimaste a bordo della Sea Watch 3 poi sbarcata a Lampedusa.

Anche la Francia tende la mano: il Paese è infatti intento a prestare soccorso ad altre 10 persone tra i 42 migranti della Sea Watch 3: “il ministro degli Esteri italiano Enzo Moavero ha accolto questo impegno” riferisce il ministro dell’interno francese Christophe Castaner.

Intanto lunedì 1 luglio 2019 la comandante tedesca Carola Rackete è stata interrogata per circa tre ore dal gip del Tribunale di Agrigento. Il processo riguarda la convalida dell’arresto della 31enne emesso dalla Guardia di Finanza a Lampedusa. Salvini ha definito la comandante una criminale: “non c’era stato di necessità e c’è stato deliberatamente un attacco ad una nave militare italiana. Se non basta questo per stare in carcere non so cosa bisogna fare” stando alle ultime parole del vicepremier.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Giorgia Giuliano
Tra cronaca e ristoranti, collabora con diverse testate del mondo food e del fine drinking. Pugliese dal 1994, si laurea a Milano in "Comunicazione, media e pubblicità" e prosegue con un Master di Primo Livello in "Food & Wine Communication". Tempo fa ha bussato alla porta del giornalismo e a quanto pare qualcuno le ha risposto. Per Notizie.it scrive di cosa succede in Italia e nel mondo.