India, ventenne si risveglia prima di essere sepolto
Esteri

India, ventenne si risveglia prima di essere sepolto

ragazzo morto si sveglia

Mohammad Furqan, ventenne indiano ritenuto morto, si è risvegliato all'improvviso prima del suo funerale.

Erano tutti convinti che fosse morto e stavano già effettuando i preparativi per il suo funerale quando, improvvisamente, ha riaperto gli occhi. Mohammad Furqan, un ragazzo indiano di 20 anni che era stato dichiarato morto dopo essere stato vittima di un incidente stradale, si è risvegliato, a sorpresa di amici e parenti.

Il risveglio del morto

Secondo quanto ha riportato l’Independent, dopo aver avuto un incidente stradale, il ventenne dell’India Mohammad Furqan era stato portato d’urgenza in ospedale lunedì 1 luglio 2019. Dopo un’analisi delle sue condizioni, i medici avevano constatato il suo decesso: della sua morte erano stato avvertiti i suoi parenti e amici. La salma del ragazzo era stata poi portata indietro alla sua casa natale e i familiari avevano iniziato a organizzare il suo funerale. Poco prima che avvenisse la sepoltura, il giovane inaspettatamente ha aperto gli occhi e poi ha iniziato a muoversi. I familiari hanno subito chiamato i soccorsi e il ragazzo è stato portato in ospedale dove i medici lo hanno ricoverato e gli hanno dato l’ossigeno.

“Ci stavamo preparando per la sepoltura, quando alcuni di noi hanno visto che aveva aperto gli occhi. Lo abbiamo subito portato in ospedale dove i dottori hanno detto che era vivo e lo hanno subito soccorso” ha raccontato il fratello Mohammad Irfan a Ndtv. “Il paziente è in condizioni critiche, ma sicuramente non è cerebralmente morto. Ha polso, pressione sanguigna e i suoi riflessi stanno funzionando” ha aggiunto il medico che si sta occupando del giovane. In merito al caso è stata avviata un’inchiesta interna all’ospedale.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Francesca Sofia Cocco
Nata a Cagliari nel 2000, si è diplomata al liceo classico con 100 e lode e frequenta l'Università Bocconi di Milano. Nel 2015 ha iniziato a collaborare con l'Unione Sarda, per cui scrive articoli di cronaca, cultura, spettacolo e opinione. Ha partecipato come inviata in sala stampa per Radio Bocconi al Festival della canzone italiana di Sanremo 2019.