Libia, governo libera 350 migranti dal centro di detenzione di Tajoura
Esteri

Libia, governo libera 350 migranti dal centro di detenzione di Tajoura

migranti-libia

Il centro di detenzione è stato evacuato in seguito al bombardamento compiuto settimana scorsa dall'aviazione del generale libico Khalifa Haftar.

Nel pomeriggio del 9 luglio, il governo della Libia ha liberato 350 migranti reclusi nel centro di detenzione di Tajoura, nei pressi della capitale Tripoli. L’operazione, già ventilata lo scorso 4 luglio dal ministro dell’Interno libico Fathi Bashagha, è partita in seguito al bombardamento avvenuto la scorsa settimana da parte dell’aviazione del generale Khalifa Haftar. Nel raid aereo avevano perso la vita una cinquantina di persone, tra le quali 6 bambini, ed erano rimasti feriti circa 130 migranti.

Il tweet dell’Unhcr

La mossa del Primo Ministro libico Fayez al-Sarraj è stata annunciata da un tweet dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, che afferma: “Ringraziamo il ministero dell’Interno libico per il rilascio odierno dei rifugiati e migranti dal centro di detenzione di Tajoura. 350 persone erano ancora a rischio a Tajoura e ora sono libere. L’Unhcr fornirà assistenza.”

Le parole del ministro dell’Interno libico

Immediatamente dopo il bombardamento del generale Haftar dello scorso 3 luglio, il ministro dell’Interno libico Fathi Bashagha aveva ribadito la sua volontà di proteggere i migranti presenti nel centro di Tajoura: “Stiamo valutando la chiusura di tutti i centri di detenzione dei migranti e del rilascio di tutti i detenuti in Libia, con l’obiettivo di garantire la loro sicurezza.

Abbiamo l’obbligo di proteggere i profughi, ma i raid aerei vanno oltre le nostre capacità”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Jacopo Bongini
Nato a Milano, classe 1993, frequenta l’Accademia di Belle Arti di Brera dove si laurea in "Nuove Tecnologie dell’Arte". Parallelamente all'ambito artistico, nel quale partecipa a diverse mostre del settore come admin della pagina Facebook Karbopapero 900, durante gli anni universitari sviluppa la passione per il mondo dell’informazione e della comunicazione. Passione che lo porta a diventare collaboratore dapprima per Il Giornale e in seguito per Notizie.it.