Francia, uomo indossa 13 maglie: il suo bagaglio era troppo pesante
Esteri

Francia, uomo indossa 13 maglie: il suo bagaglio era troppo pesante

francia aeroporto

L'uomo ha indossato tredici indumenti uno sopra l'altro per non pagare l'extra alla compagnia aerea low cost

Un uomo scozzese di 46 anni originario di Glasgow ha evitato di pagare un sovrapprezzo pari a 100 euro in un modo piuttosto insolito ma che si è certo rivelato vincente: si trovava in aeroporto insieme alla sua famiglia mentre completava il check-in per quel viaggio che da Nizza lo avrebbe riportato in Scozia. Il peso del bagaglio da viaggio però superava di gran lunga il limite consentito. E per evitare di imbarcare il trolley nella stiva, l’uomo ha agito in modo astuto, forse sudando sette camicie.

Risparmio compiuto

Il trolley è immediatamente rientrato nella fascia di peso tale da permettere all’uomo di Glasgow di poterlo portare con sé a bordo. Non ci sono volute grandi manovre quanto piuttosto 13 tra magliette e camicie tutte indossate dall’astuto signore. Suo figlio ha ripreso la scena che è subito diventata virale sui social network. L’intera famiglia era in attesa di volare con la compagnia aerea EasyJet da Nizza a Edimburgo.

Una soluzione vincente, assolutamente non banale e che ha evitato di spendere 100 euro aggiuntivi.

L’uomo ha indossato 13 magliette e camicie una sopra l’altra. E’ successo in Francia, pur di non pagare l’extra alla compagnia low cost EasyJet. L’ideatore di questo originale rimedio ha però confessato che la gente intorno era tutta stranita e che pensava addirittura che l’uomo stesse contrabbandando qualche prodotto nascondendolo sotto pile e pile di vestiti. E invece lo scozzese ha semplicemente portato a compimento una vera e propria manovra di risparmio.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Giorgia Giuliano
Tra cronaca e ristoranti, collabora con diverse testate del mondo food e del fine drinking. Pugliese dal 1994, si laurea a Milano in "Comunicazione, media e pubblicità" e prosegue con un Master di Primo Livello in "Food & Wine Communication". Tempo fa ha bussato alla porta del giornalismo e a quanto pare qualcuno le ha risposto. Per Notizie.it scrive di cosa succede in Italia e nel mondo.