Ragazza disabile stuprata dal branco: fermati ragazzi di 12 e 14 anni
Esteri

Ragazza disabile stuprata dal branco: fermati ragazzi di 12 e 14 anni

Ragazza disabile stuprata
Ragazza disabile stuprata

I 14enni fermati hanno trascorso una notte nella cella del carcere minorile, mentre i due 12enni sono stati rilasciati.

Una ragazza disabile, affetta da disturbi mentali, è stata stuprata in un parco pubblico da un gruppo di minorenni. La violenza è avvenuta nella Germania occidentale, nella città di Muelheim, nella regione del Nord Reno-Westfalia. La 18enne si trovava in un parco giochi quando è stata accerchiata dagli stupratori e trascinata dietro un cespuglio. Giovanissimi i responsabili, tutti di età compresa tra i 12 e i 14 anni. La violenza è stata immortalata dai ragazzini con i propri smartphone e sono state proprio queste immagini a incriminare i colpevoli.

Ragazza disabile stuprata

L’allarme è stato lanciato da un uomo di 61 anni, informa il britannico Mirror. A farlo insospettire è stato l’abbaiare incessante dei suoi cani, così come di quelli dei suoi vicini di casa. Sceso in strada, si è trovato di fronte al terribile spettacolo della ragazza stuprata da un gruppo di adolescenti. Non appena lo hanno visto, gli aggressori sono fuggiti, ma sono stati presto identificati e fermati dalla polizia.

I soccorritori, invece, hanno trasferito la vittima in ospedale. La ragazza è stata inoltre in grado di fornire agli inquirenti una descrizione dettagliata dei componenti del branco.

Le manette sono scattate solo per i 14enni, che hanno trascorso una notte nella cella del carcere minorile. I due 12enni coinvolti, invece, sono stati immediatamente rilasciati, non avendo l’età necessaria per essere perseguibili penalmente.

Il precedente

Un analogo episodio si è verificato anche in Italia, più precisamente a Milano, dove nel 2016 una ragazza disabile è stata violentata da un gruppo di minori. Le violenze ripetute hanno gettato la vittima in un grave stato di depressione. Il gup ha condannato l’unico maggiorenne a 7 anni di carcere con rito abbreviato, oltre a stabilire un risarcimento di 25.000 euro .


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Classe 1994, nata e cresciuta in provincia di Monza e Brianza. Dopo il diploma di liceo classico mi sono laureata a pieni voti in "Lettere moderne" presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ho conseguito la laurea magistrale in "Lettere moderne", con 110 e lode, presso l’Università degli Studi di Milano. Durante il mio percorso accademico, mi sono avvicinata al mondo del giornalismo attraverso il team di Notizie.it, passando da un iniziale stage curriculare a una collaborazione, fino a entrare a far parte della redazione. Ho collaborato con la rivista cartacea Viaggiare con gusto per la pubblicazione dell’articolo Viaggio in Puglia, nell’aprile 2019.