Colombia, vuole tagliare i genitali per assomigliare a uno scheletro
Esteri

Colombia, vuole tagliare i genitali per assomigliare a uno scheletro

teschio

Eric Hincapie Ramirez, 22enne della Colombia, vuole tagliare i genitali per assomigliare a uno scheletro il più possibile.

Eric Hincapie Ramirez è disposto a tutto per essere simile a uno scheletro. Il ventiduenne della Colombia, meglio conosciuto come Kalaca Skull, ha già subito diverse operazione chirurgiche estreme per rendere il suo viso simile a un teschio e ora è determinato a continuare con un’operazione ai genitali al fine di farli sembrare “totalmente piatti” come uno scheletro.

Come uno scheletro

Kalaca Skull per il suo aspetto sempre più simile a uno scheletro ha raggiunto la notorietà sui social network. Ha raccontato di avere una passione per i teschi da quando era bambino e che ha iniziato a cambiare il suo volto dopo che sua madre è morta. Infatti la donna non era d’accordo con le sue scelte. Il ragazzo colombiano si è recato dal chirurgo per farsi togliere la metà inferiore della cartilagine del naso, poi ha deciso di amputare i lobi delle orecchie e si è tagliato la lingua a metà e l’ha colorata. Inoltre, quasi tutto il suo corpo, tra cui il volto, è ricoperto di particolari tatuaggi che, secondo quanto ha raccontato, spesso spaventano le persone per strada.

“Le modifiche del corpo sono una decisione personale e non dovrebbero essere giudicate. È come giudicare una donna che si fa il seno o i glutei. Per me un teschio è come mia sorella, è una parte della mia famiglia in realtà, mi sento molto attaccato a loro”: lo aveva spiegato al fine di rispondere a chi lo critica per i cambiamenti fatti al suo corpo. Kalaca Skull si ritiene una persona normale: “È come un diverso modo di pensare, di vestire, uno stile musicale diverso. Mi sento bene come sono”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Francesca Sofia Cocco
Nata a Cagliari nel 2000, si è diplomata al liceo classico con 100 e lode e frequenta l'Università Bocconi di Milano. Nel 2015 ha iniziato a collaborare con l'Unione Sarda, per cui scrive articoli di cronaca, cultura, spettacolo e opinione. Ha partecipato come inviata in sala stampa per Radio Bocconi al Festival della canzone italiana di Sanremo 2019.