Incendio in uno studio di animazione in Giappone: 23 morti, 38 feriti
Esteri

Incendio in uno studio di animazione in Giappone: 23 morti, 38 feriti

incendio giappone
incendio giappone

L'incendio nello studio di produzione di anime in Giappone è di natura dolosa: l'uomo sospettato per aver appiccato il fuoco è stato arrestato.

Giovedì mattina, intorno alle 10.30, un uomo sarebbe entrato negli studi di animazione di Kyoto, in Giappone e avrebbe appiccato un incendio. Secondo le prime informazioni, infatti, il piromane avrebbe versato del liquido infiammabile sull’edificio per poi fra divampare le fiamme. In quel momento, però, all’interno della struttura si trovavano una settantina di persone: almeno 38 sono rimaste ferite. Infine, ci sarebbero altre 23 vittime.

Incendio in Giappone

L’incendio divampato giovedì mattina intorno alle 10.30 sarebbe di natura dolosa: un uomo, infatti, è stato arrestato con l’accusa di aver appiccato il rogo. Infatti, secondo la ricostruzione, il piromane avrebbe fatto irruzione a Kyoto Animation, uno studio di produzione di anime, e avrebbe cosparso di liquido infiammabile la zona. Poi avrebbe appiccato il fuoco. Il bilancio delle vittime è provvisorio: sono 38 i feriti e almeno 23 le vittime. Una decina delle persone coinvolte, inoltre, sono in gravi condizioni. Alcuni testimoni presenti nel momento dell’incendio hanno avvertito una forte esplosione seguita da una colonna di fumo.

I soccorsi

Sul luogo dell’incendio sono accorsi i vigili del fuoco, che hanno allestito all’esterno dell’edificio una tenda per accogliere tutte le persone che si trovavano nell’edificio.

Si tratta circa di 70 persone. Un portavoce della polizia du Kyoto, infine, ha dichiarato con sicurezza che “un uomo ha gettato un liquido e dato fuoco”. Il sospettato piromane sarebbe un 41enne rimasto vittima delle sue stesse azioni: è stato trasferito all’ospedale in gravi condizioni.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Laura Pellegrini
Classe 1998, cresciuta condividendo il sogno del padre. Veronese di origini, ma milanese acquisita. Studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società" con un grande sogno nel cassetto: costruire una carriera internazionale e un nome nel giornalismo politico. Amante dei viaggi e curiosa rispetto ai fatti di attualità, insegue con determinazione il suo obbiettivo.