Regno Unito, 17enne fa un video d’addio e poi si getta sotto un treno
Esteri

Regno Unito, 17enne fa un video d’addio e poi si getta sotto un treno

Regno Unito
Regno Unito

"Lo chiamavano strano, perdente e ritardato”, racconta la mamma. Così il figlio 17enne, originario del Regno Unito, si è gettato sotto un treno

Vittima di qualche bullo subdolo e meschino, in difficoltà con sé stesso e chi non lo faceva sentire importante. Così il 17enne Joel Langford, lo scorso 18 marzo, ha deciso di farla finita gettandosi sotto un treno. Prima di compiere il gesto estremo, ha realizzato un video d’addio. E’ successo nel Regno Unito. Lo studente era originario di Marlow, Bucks. Gli ultimi dettagli dell’inchiesta sono emersi solo a distanza di quattro mesi, in data 18 luglio 2019, riporta Fanpage.it.

Regno Unito, il suicidio di Joel

Era considerato “molto intelligente” e aveva ottenuto ottimi voti nel periodo precedente all’iscrizione all’accademia. Al termine della scuola, racconta ancora Fanpgeit, molti dei suoi amici si sono trasferiti all’estero per proseguire gli studi. Così Joel è rimasto solo, circondato da stupidi bulli che lo hanno etichettato come “strano, perdente e ritardato”. Così spiega la madre del 17enne. Susan Langford ha fatto sapere che le condizioni di suo figlio sono “peggiorate” dopo aver iniziato gli A-level (la scuola superiore) alla Great Marlow School.

Per questo motivo, si è detta preoccupata circa la serenità e il futuro di Joel. Inoltre, ha descritto il figlio come un ragazzo “complicato” e che, nonostante la sua giovane età, ha dovuto affrontare “tanti rifiuti nella sua vita”. “Era ossessionato dall’igiene, incapace di indossare certi vestiti perché pensava che si sporcassero”, ha aggiunto.

Tuttavia, proprio nel giorno in cui ha organizzato il folle gesto e ha deciso di togliersi la vita, sembrava “felice”. Così ha proseguito la mamma. Forse un tragico scherzo del destino. Infatti, mamma Susan ha raccontato: “Ironia della sorte, il giorno della sua morte abbiamo pensato che il problema fosse finito perché si era messo un maglione che si era rifiutato di indossare prima”. Poi la tragica scoperta: “In seguito abbiamo scoperto che l’aveva tolto e lasciato su un cancello vicino prima dell’incidente”.

Il racconto del macchinista

Lo scorso il 18 marzo, intorno alle 7,20 del mattino, l’adolescente ha registrato un video di cinque minuti sul suo cellulare.

Così ha spiegato e comunicato alla famiglia la decisione di farla finita per semore. Proprio mentre i cancelli della scuola stavano aprendo, si è gettato sotto il treno. Erano all’incirca le 9.10.

Il macchinista Richard Woodley ha raccontato di aver “distolto lo sguardo” mentre il ragazzo correva verso i binari, poco prima dell’impatto fatale. “Il ragazzo mi ha guardato e mi ha salutato, indicandomi di continuare ad avanzare. Ho pensato che andasse di fretta come molte persone, purtroppo non ho potuto fermarmi”, è il suo drammatico racconto.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Asia Angaroni
Leva 1996, varesotta di nascita milanese di adozione. Dall’amore per la stampa e la verità alla laurea in Comunicazione. Amante della letteratura e dell’arte, alla ricerca costante di sapienza e cultura. Appassionata di cronaca sportiva e di inchieste, desiderosa di fare della parola il proprio futuro.