×

Tanzania, esplosione di un autocisterna: almeno 57 morti carbonizzati

Secondo i media locali, molte persone avrebbero cercato di raccogliere il carburante quando improvvisamente tutto ha preso fuoco.

Una vera e propria strage quella avvenuta nella città di Morogoro, situata nella parte meridionale della Tanzania. Secondo le prime fonti ufficiali, sarebbero circa 57 i morti accertati: tantissimi anche i feriti gravi, i quali sono stati smistati d’urgenza negli ospedali più vicini. Il numero di vittime è comunque destinato ad aumentare con il passare delle ore.

Secondo quanto riportato dai media locali, sembrerebbe che una grossa autocisterna si sia schiantata contro degli alberi, rovesciandosi su sé stessa. A quel punto, il carburante trasportato è fuoriuscito dal veicolo, andando ad occupare la carreggiata della strada. In seguito, la popolazione locale si è recata sul posto dell’incidente munita di grosse taniche per raccogliere il carburante perso dal convogli. Dopo qualche minuto, però, il veicolo è esploso improvvisamente, causando una fortissima fiammata che ha colpito tutte le persone presenti sul posto.

L’esplosione dell’autocisterna e la conta delle vittime

Le forze dell’ordine locali stanno cercando di spegnere il grandissimo incendio causato dall’esplosione dell’autocisterna.

Le operazioni sono molto difficili e numerosi corpi sono ancora intrappolati tra le fiamme divampate dopo l’esplosione. Secondo una prima stima, le vittime dovrebbero essere 57, anche se il numero potrebbe aumentare drasticamente nelle prossime ore.

A dir poco raccapriccianti alcune immagini diffuse sui social network: i video dei corpi dilaniati e mangiati dalla fiamme stanno facendo il giro del mondo. La tragedia avrebbe coinvolto anche donne e bambini. La città di Morogoro è in completo caos e tutti gli abitanti stanno cercando di aiutare i soccorsi.


Nato a Varese, classe 95. Ha collaborato con Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

300

Contatti:
Fabio Rossi

Nato a Varese, classe 95. Ha collaborato con Notizie.it.

Caricamento...

Leggi anche