Tifone Lekima, bilancio delle vittime aggravato: 32 morti, 20 dispersi
Esteri

Tifone Lekima, bilancio delle vittime aggravato: 32 morti, 20 dispersi

tifone lekima
tifone lekima

Il tifone si sta dirigendo verso nord e potrebbe colpire la città di Shangai. Il bilancio del fenomeno dello scorso venerdì, intanto, si aggrava.

Il tifone Lekima che si è abbattuto lo scorso venerdì 9 agosto sulla Cina ha causato la morte di alcune persone: il bilancio delle vittime si è aggravato. Prima di arrivare in Cina, inoltre, il tifone si era riversato su Taiwan e Giappone. Si stimano almeno un milione di persone evacuate nella regione di Shangai, dove musei e strade sono rimaste chiuse dopo le violente piogge riversate sulla città. Vediamo coma si sta evolvendo la situazione in queste ore.

Tifone Lekima, il bilancio delle vittime

Le autorità cinesi hanno reso noto l’aggravarsi del bilancio delle vittime colpite dal tifone Lekima. In un primo momento, infatti, si era parlato di una sola vittima: un uomo di 64 anni era morto in seguito alla caduta di un albero. Inoltre, sarebbero almeno 2500 le persone trasferite in un luogo più sicuro per scongiurare il rischio di inondazioni. Stando alle ultime informazioni, infine, salirebbero a 32 i morti accertai e a 20 le persone ancora disperse.

In seguito alla frana avvenuta a Wenzhou, a circa 400 chilometri da Shanghai, sarebbero rimaste intrappolate almeno 18 persone: all’appello, inoltre, mancherebbero altre 10 vittime. Soltanto nella provincia di Zhejiang sarebbero stati cancellati 300 voli e i traghetti e le linee ferroviarie sono rimaste interrotte.

La violenza del tifone

Il tifone ha colpito la regione di Shangai generando venti di potenza fino a 187 km/h, con mareggiate e onde di altezze incredibili che hanno lambito la costa. Ora il fenomeno di vasta portata si sta dirigendo verso nord e gli esperti non escludono il suo abbattersi proprio sulla città di Shangai.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Laura Pellegrini
Classe 1998, cresciuta condividendo il sogno del padre. Veronese di origini, ma milanese acquisita. Studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società" con un grande sogno nel cassetto: costruire una carriera internazionale e un nome nel giornalismo politico. Amante dei viaggi e curiosa rispetto ai fatti di attualità, insegue con determinazione il suo obbiettivo.