Greta Thunberg parte per il summit Onu sul clima: la traversata
Esteri

Greta Thunberg parte per il summit Onu sul clima: la traversata

greta thunberg
greta thunberg

"La nostra è una barca da competizione, il bagno non è previsto" ha spiegato lo skipper che accompagnerà Greta Thunberg nella traversata.

A bordo della Malizia II, la barca a vela di Pierre Casiraghi, Greta Thunberg è partita per New York, dove si terrà il summit Onu sul clima il prossimo settembre. Sarà una traversata di due settimane su un’imbarcazione da competizione. A raccontare il viaggio, inoltre, è Boris Herrmann, lo skipper tedesco contattato dal Corriere della Sera. L’uomo aveva risposto a una richiesta pubblicata su Twitter dall’attivista. Greta, infatti, aveva espresso l’intenzione di recarsi al summit senza utilizzare l’aereo. Così, lo skipper le ha proposto una traversata in barca a vela e lei ha accettato. Vediamo la particolarità della traversata di Greta Thunberg.

La traversata di Greta Thunberg

Lo skipper Boris Herrmann specifica che a bordo della barca a vela Malizia II non esiste un wc e nemmeno la doccia: Greta Thunberg e l’equipaggio useranno dei secchi. Poi scherzando afferma: “No per lavarsi Greta non potrà usare il secchio, l’acqua del mare è troppo fredda”.

Insieme alla giovanissima ci saranno papà Svante e il cameraman che documenterà il viaggio. Come ha reagito l’attivista a ciò? Lo spiega lo skipper al Corriere: “In modo rilassato, rispondendo che aveva messo in conto che sarebbe stato un viaggio faticoso, e l’importante è arrivare”. Inoltre, “la nostra è una barca da competizione – ha spiegato lo skipper – il bagno semplicemente non è previsto”. Sull’imbarcazione, infine, ci sono anche due brandine, una marea di cavi e strumentazione di bordo e un impianto a pannelli solare. Purtroppo, però, nessun bagno.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Laura Pellegrini
Classe 1998, cresciuta condividendo il sogno del padre. Veronese di origini, ma milanese acquisita. Studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società" con un grande sogno nel cassetto: costruire una carriera internazionale e un nome nel giornalismo politico. Amante dei viaggi e curiosa rispetto ai fatti di attualità, insegue con determinazione il suo obbiettivo.