×

Spagna, epidemia record di listeriosi: 150 casi confermati

Per ora il bilancio dell'epidemia di listeriosi è di un morto e 150 casi confermati.

La Spagna ha lanciato un allarme internazionale. Il motivo è la più grande epidemia di listeriosi. Per il Paese il bilancio è di un decesso e 150 casi confermati.

Epidemia record di listeriosi

La parte maggiormente colpita dall’epidemia è il sud del Paese, precisamente l’Andalusia. L’infezione è causata dal batterio Listeria monocytogenes. La provenienza sarebbe una carne di maiale confezionata. Non solo al sud, ma anche a nord della Catalogna la situazione diventa grave. Al momento circa 50 persone sono state ricoverate in ospedale. Il ministero della Salute spagnolo sta inoltre verificando altri 523 contagi sospetti. A tal proposito, ha quindi allertato l’Unione Europea e l’Organizzazione mondiale della sanità sui rischi dell’epidemia.

La malattia

Per fare maggiore chiarezza sulla situazione, è bene sapere che Listeria monocytogenes è un batterio presente nel suolo, sia sull’acqua chee nella vegetazione.

Esso può contaminare diversi alimenti, tra cui latte, verdura, formaggi molli, carni poco cotte, ed è responsabile della listeriosi. È un’infezione generalmente dovuta all’ingestione di cibo contaminato, come spiegato in precedenza dalla presenza di un batterio, e pertanto è classificata fra le malattie trasmesse attraverso gli alimenti.

Questa infezione può assumere differenti forme cliniche, per questo è più difficile da individuare. L’unico denominatore comune è la presente del batterio precedentemente citato. Le differenti forme vanno dalla gastroenterite acuta febbrile, che si manifesta poche ore dopo rispetto all’ingestione, a quella invasiva o sistemica.

Nato a Milano, classe 1995, è laureando in "Scienze Sociali per la globalizzazione". Oltre che con Notizie.it ha collaborato con TMS.


Contatti:

Contatti:
Marco Bruto

Nato a Milano, classe 1995, è laureando in "Scienze Sociali per la globalizzazione". Oltre che con Notizie.it ha collaborato con TMS.

Leggi anche