×

Omicidio-suicidio di coppia in Inghilterra, illeso il loro bambino

Una coppia di coniugi di origine lettone è stata trovata morta nella loro abitazione in Inghilterra. Rinvenuto sano e salvo il figlio di due anni.

omicidio-suicidio-coppia-inghilterra

Tragedia in Inghilterra, dove la polizia ha aperto un indagine di omicidio-suicidio per una coppia di origine lettone trovata morta nella propria abitazione di Burton-upon-Trent, nello Staffordshire. Il 31enne Kiril Nemcev e la 33enne Lana Nemceva, sposati dal 2016, sono stati infatti trovati privi di vita intorno alle ore 23 dello scorso mercoledì 4 settembre. Miracolosamente salvo invece il figlio di soli due anni della coppia, Oscar, rinvenuto ancora addormentato nella sua cameretta.

Omicidio-suicidio di coppia in Inghilterra

Attualmente le forze di polizia stanno indagando sulla morte dei due coniugi al fine di chiarire le esatte dinamiche dell’accaduto. Interrogato dai giornalisti, l’ispettore capo Dan Ison ha commentato: “È in corso un’indagine sui due decessi. A seguito dei primi rilevamenti, la morte della donna di 33 anni è stata classificata come omicidio mentre la morte del 31enne non è stata trattata come sospetta. Le famiglie dell’uomo e della donna sono state informate e hanno chiesto che venga preservata la loro privacy in questo momento difficile”.

Molti amici e conoscenti della coppia non riescono a capacitarsi di come ciò sia potuto accadere.

A rinvenire Kiril e Lana è stato infatti un loro amico intimo che in passato aveva vissuto con loro. Egli ha raccontato di essere tornato dal lavoro e di aver visto i corpi senza vita, per poi correre a controllare se il loro bambino stesse bene. Fortunatamente però, il piccolo Oscar era ancora addormentato nel suo letto, ignaro di quello che era successo.

Un’amica di Lana, che prese un caffè con lei la mattina della tragedia, ha raccontato come la donna sembrasse stare bene. Su Youtube è inoltre visibile il video di matrimonio della coppia, ripreso nell’estate del 2016. Nelle riprese, Kiril e Lana appaiono felici e nulla lascia presupporre ciò che accadrà soltanto tre anni dopo.

L’ipotesi della depressione di Kiril

Alcune testimoni hanno tuttavia riferito come da tempo l’uomo non stesse bene. Un vecchio amico di Kiril ha infatti dichiarato come il 31enne fosse stanco del suo lavoro di chef presso il Pizza Express di Tamworth e che i medici gli avevano recentemente prescritto dei farmaci.

Un altro amico riferisce come probabilmente Kiril soffrisse di depressione, ma che la moglie – di professione optometrista – non riuscisse a capire la sua condizione: “Penso che forse fosse depressione, mi ha detto che Lana non lo capiva. Erano stati una coppia felice, ma c’era stata tensione tra loro nelle ultime settimane. Lana era arrabbiata, diceva che Kiril pensava sempre di avere ragione e che lei avesse sempre torto. Non so però cosa possa aver scatenato una cosa del genere”.

Un messaggio di cordoglio è arrivato anche dall’amica Anna Jelisejeva. La donna ha aperto una raccolta fondi affinché le salme dei due coniugi possano essere trasportate in Lettonia per la sepoltura: “Conosciamo tutti Lana e Kiril come una famiglia allegra e felice. Essi hanno goduto di ogni momento trascorso insieme al loro figlio di due anni”.


Nato a Milano, classe 1993, frequenta l’Accademia di Belle Arti di Brera dove si laurea in "Nuove Tecnologie dell’Arte". Parallelamente all'ambito artistico, nel quale partecipa a diverse mostre del settore come admin della pagina Facebook Karbopapero 900, durante gli anni universitari sviluppa la passione per il mondo dell’informazione e della comunicazione. Passione che lo porta a diventare collaboratore dapprima per Il Giornale e in seguito per Notizie.it.


Contatti:

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, frequenta l’Accademia di Belle Arti di Brera dove si laurea in "Nuove Tecnologie dell’Arte". Parallelamente all'ambito artistico, nel quale partecipa a diverse mostre del settore come admin della pagina Facebook Karbopapero 900, durante gli anni universitari sviluppa la passione per il mondo dell’informazione e della comunicazione. Passione che lo porta a diventare collaboratore dapprima per Il Giornale e in seguito per Notizie.it.

Leggi anche