×

Guerra in Siria, atleti turchi esultano con il saluto militare

Dopo la nazionale di calcio, altri atleti turchi, come il ginnasta Colak e la pugile Busenaz Surmeneli, hanno esultato facendo il saluto militare

Busenaz Sürmeneli

Dopo la vittoria contro l’Albania, dello scorso 11 ottobre, la nazionale di calcio turca aveva festeggiato facendo un saluto militare. Un gesto che è stato di recente ripetuto anche da altri atleti, quali il ginnasta Ibrahim Colak e la pugile Busenaz Surmeneli.

Atleti turchi appoggiano offensiva in Siria

Da diversi giorni stiamo assistendo all’offensiva turca in Siria, con migliaia di curdi in fuga dai territori bersagliati dagli attacchi dell’esercito turco e dai bombardamenti. Un vero e proprio attacco armato che trova l’appoggio dei membri della nazionale di calcio turca, che hanno festeggiato la vittoria contro l’Albania, nella partita valida per le qualificazioni agli Europei 2020, schierandosi sull’attenti e facendo un saluto militare davanti alla loro tifoseria dopo il gol decisivo segnato da Tosun al 90esimo.

Un gesto che non è passato inosservato, dato che la squadra di Şenol Güneş ha voluto in questo modo sostenere pubblicamente l’attacco in Siria contro i curdi.

Tra i protagonisti del saluto militare anche il centrocampista del Milan, Hakan Calhanoglu, e il difensore della Juventus, Merih Demiral. Proprio quest’ultimo è stato anche protagonista sui social, con un messaggio che ha fatto tanto discutere, dato che ha pubblicamente ammesso di essere a favore di Erdogan.

Oltre al calcio, però, anche altri atleti turchi hanno voluto manifestare il loro appoggio all’azione militare in Siria. Il ginnasta Ibrahim Colak, ad esempio, ha fatto il saluto militare sul podio dopo aver vinto l’oro nella gara degli Anelli ai Mondiali di Stoccarda.

Un gesto che ha fatto inevitabilmente discutere. La federazione internazionale, la Fig, quindi, ha deciso di prendere posizione tramite il segretario generale Nicolas Buompane che ha parlato di “regole da riesaminare”.

Per poi aggiungere: “Forse è arrivato il momento di farlo, visto che la scelta di fare quel gesto è stata fatta in un momento sbagliato, per la situazione fra Turchia e Siria. Se dobbiamo intervenire su gesti del genere, allora è il momento di esaminare quanto è successo e di prendere una decisione, che sia di dare via libera a certi gesti o di vietarli”.

Anche la pugile Busenaz Surmeneli, dopo aver disputato la finale della categoria Welter contro la cinese Liu Yang, sul ring di Ulan Ude, ha fatto il saluto militare e la sua immagine è stata twittata sul profilo della Federcalcio della Turchia.

Scrivi un commento

1000

Leggi anche