×

Ruba neonata dall’ospedale: “Non volevo dire a mio marito dell’aborto”

Condividi su Facebook

Ruba neonata dall'ospedale e la porta a casa, poi confessa: "Non volevo dire a mio marito di aver abortito"

ruba neonata dall'ospedale
ruba neonata dall'ospedale

Un aborto naturale ha spezzato la vita del piccolo che portava in grembo. La donna, una giovane di 27 anni, pare non abbia avuto il coraggio di rivelare la triste perdita al marito, entusiasta per l’arrivo di un piccolo in famiglia. Così ha deciso di rubare una neonata dall’ospedale.

Ruba neonata dall’ospedale: la vicenda

Sriwaluck Akethamsatien, 27 anni, non ha retto al dolore della perdita del figlio che presto avrebbe dovuto dare alla luce. Così, forse in preda alla confusione e al dolore, ha rubato una neonata dall’ospedale. È successo a Phang Nga, nel sud della Thailandia. Stando alla spiegazione fornita dalla giovane donna, il marito era felicissimo di diventare padre: per questo motivo ha preferito omettere la verità, non confidandogli di aver perso il bambino.

Rubata la piccola dall’ospedale, l’ha portata a casa e ha finto si trattasse della loro figlia.

Dopo aver abortito, la donna ha continuato a fingere di essere incinta, andando periodicamente in ospedale e raccontando di essersi sottoposta alle dovute visite di controllo. Sembrerebbe che in una di quelle occasioni la 27enne abbia conosciuto una coppia in attesa di una bambina. Una notte ha detto al marito che avrebbe raggiunto l’ospedale perché alle soglie del parto. Tuttavia, è in quelle ore che ha rapito la bimba appena nata.

A incastrata sono state le telecamere di sicurezza della struttura ospedaliera, che hanno ripreso la donna mentre fuggiva con la piccola tra le sue braccia. Probabilmente divorata dai sensi di colpa e a conoscenza delle tristi sensazioni che si provano per la perdita di un figlio, la donna non ha negato l’evidenza né ha tentato di difendersi.

Così ha confessato di essere la responsabile di quanto accaduto. Subito avviate le indagini da parte della polizia. Ora Sriwaluck Akethamsatien rischia una pena pari a un massimo di 5 anni di reclusione.

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Asia Angaroni

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.

Leggi anche