×

Imam raggirato prende moglie e dopo due settimane scopre che è un uomo

Condividi su Facebook

Un imam ha scoperto dopo due settimane dalle nozze di aver sposato un uomo. Quest'ultimo lo aveva raggirato per avere i suoi soldi

imam truffato sposa uomo

È davvero incredibile la storia che arriva dall’Uganda, dove un imam, di nome Mohammed Mutumba, ha scoperto dopo due settimane dalle nozze di aver sposato un uomo.

Imam raggirato sposa un uomo

Un imam ugandese è sotto shock dopo aver scoperto di aver sposato un uomo. In base ad una prima ricostruzione dei fatti, Mohammed Mutumba, della moschea Masjid Noor di Kyampisi nel distretto di Kayunga, è stato momentaneamente sospeso dal suo ruolo in attesa delle indagini “per ricostruire la truffa subita”. Secondo uno dei capi locali, Kadhi Sheikh Abdul Noor Kakande, infatti, la decisione di sollevarlo al momento dal suo incarico “ha lo scopo di preservare l’integrità della fede”.

Ma cosa è successo? Ebbene, l’imam aveva sposato due settimane prima Swabullah Nabukeera, dopo averla conosciuta nella moschea di Kyampisi.

“Stavo cercando una donna da sposare quando ho visto una bellissima ragazza che indossava un hijab, le ho chiesto di vederci e lei ha accettato. Ci siamo innamorati, tuttavia, mi ha detto che non avremmo potuto fare sesso fino a quando non consegnavo la dote ai suoi genitori e ci saremmo scambiati i voti matrimoniali”, ha quindi spiegato l’imam. Fin qui, apparentemente, nulla di strano.

L’imam, intento a fare tutto in regola, decide quindi di assecondarla e sposarla secondo il rito religioso islamico nikah. Se tutto questo non bastasse, ha anche pagato a una zia la dote per la sposa, che consisteva in due sacchi di zucchero, due capre, una copia del Corano e dei vestiti. Dopo il matrimonio, la sposa ha continuato a rifiutare momenti di intimità, asserendo di avere un ciclo mestruale alquanto prolungato.

Alla fine, la triste scoperta.

Un vicino di casa di Mutumba ha denunciato la moglie dell’imam per aver rubato in casa sua vestiti e un televisore. Una vicenda che è finita alla stazione di polizia di Kayunga, dove gli agenti sono intervenuti per arrestare Nabukeera. Come dichiarato dal funzionario, Isaac Mugera, la sposa indossava un hijab e sandali femminili e “Come da prassi normale della polizia, una agente donna, ha perquisito accuratamente l’indagata prima di portarla nelle celle. Tuttavia, con grande sorpresa della poliziotta, abbiamo scoperto che era un uomo a tutti gli effetti. Abbiamo rapidamente informato il marito che l’aveva accompagnata alla stazione di polizia ed era fuori ad aspettare”.

Parole che hanno sconvolto inevitabilmente l’imam, che a quel punto aveva scoperto di aver sposato un uomo.

Come rivelato dallo stesso truffatore, infatti, Nabukeera, in realtà, si chiama Richard Tumushabe e ha ingannato l’imam per avere i suoi soldi. Una truffa in piena regola, tanto che i vicini di casi del povero imam ai media locali hanno raccontato: “La sposa ha fatto tutte le faccende domestiche cucinato, lavato si è presa cura della casa. Parlava dolcemente, insomma sembrava davvero una donna. Nessuno avrebbe mai potuto immaginare che il suo intento era altro”.

Scrivi un commento

1000

Leggi anche