×

Primarie dem USA 2020: il caos del caucus in Iowa

Condividi su Facebook

I caucus nelle moschee per le primarie dem 2020 rivelano il crescente desiderio di partecipazione della comunità musulmana negli USA.

primarie dem usa 2020 caos

Un disastro: il calcolo dei voti nei caucus dello Iowa è andato in tilt. Ogni candidato pretende di essere il vincitore, e i repubblicani gongolano: “Non sanno organizzare una primaria, e vogliono dirigere il Paese”. Ormai sappiamo tutti che lo Iowa è un piccolo Stato dell’America profonda, il Midwest: poco più di tre milioni di persone, grandi distese di grano e di avena, e nulla che lo renda importante se non il fatto di essere, tradizionalmente, il primo appuntamento per le primarie dei democratici.

Da un punto di vista numerico o statistico non conta granché, ma qui inizia la gara per designare il candidato democratico per la Casa Bianca, qui i perdenti capiscono che è meglio ritirarsi da una campagna sfiancante e costosissima, qui si capisce chi sono i veri duellanti. E tutti ricordano che chi vince in Iowa in genere è anche il vincitore finale: è successo con Al Gore, con Obama, con Hillary Clinton (ciò che ci ricorda come si può anche essere il candidato democratico e perdere…).

USA, caos alle primarie dem 2020

In queste convulse ore a proclamarsi vincitori sono Bernie Sanders e Pete Buttegieg (il vecchio profeta della sinistra sinistra con il 29,66% e il più pragmatico ex sindaco di South Bend con il 21,4%). Più indietro la senatrice Elizabeth Warren (se si ritirasse i suoi voti andrebbero probabilmente a Sanders, capace di scaldare i cuori dei democratici ma difficilmente in grado di battere Trump) e palesemente sconfitto Joe Biden.

Ma i dati definitivi si avranno solo a notte fonda italiana, e vale la pena soffermarsi, intanto, su due dettagli.

Il primo è linguistico: caucus non è altro che la parola indiana con cui i nativi descrivevano il sedersi a gambe incrociate davanti alla tenda. Una bella rivincita per Toro Seduto e i suoi, nel paese dei soldati blu, dei cowboys e degli sceriffi. Anche per il secondo dettaglio possiamo partire dalla linguistica: c’è chi fa discendere la parola “sceriffo” dall’anglosassone shir (cioè “contea”, che in inglese diventa shire) e gerafa, che vuol dire “magistrato civile”.

E chi invece pensa venga dal musulmano sharif, cioè nobile, discendente da Maometto. Lo Iowa ospita dalla fine dell’800 una comunità musulmana, principalmente libanese e siriana. A testimonianza di radici profonde, la moschea di Cedar Rapids è la più antica degli USA: ha novant’anni e viene appunto chiamata la Moschea Madre. E in questi giorni è stata sede di un caucus.

Quando la moschea diventa un caucus

I caucus possono essere organizzati ovunque: sale comunali, cafeterie, palestre, case private. Per la prima volta sono diventate sede di caucus quattro moschee, in un segno evidente di voglia di partecipazione e di assunzione di un peso politico da parte della comunità musulmana. Ma è anche la dimostrazione che la moschea non è esattamente la traduzione in arabo della chiesa cristiana, confinata al sacro e che quanto al profano arriva al massimo a un oratorio e a un cinema. La moschea è un luogo di culto, ma anche un luogo identitario, una “sede” politica, una piazza sociale. Vecchio stampo, perché la nuova piazza è la rete. Dove ha fatto notizia la gaffe di Trump, che con un tweet dopo il Super Bowl si era congratulato con i vincitori Kansas City Chiefs, definendoli orgoglio del grande stato del Kansas. Aveva sbagliato: la Kansas City vincitrice sta nel Missouri, a differenza dell’omonima Kansas City del Kansas.

Poco fa Trump ha twittato di nuovo: “Iowa, ti amo!”. E forse stavolta non si è sbagliato.

Giornalista, scrittore e volto noto del giornalismo d'inchiesta televisivo italiano. Ha esordito nel giornalismo cartaceo come penna di Lotta Continua nel 1979, seguendo il mondo dell'America Latina. Reporter di guerra ha raccontato i conflitti dell'ex Jugoslavia, della Somalia e del Medio Oriente. Ha condotto lo storico programma Terra! in onda sulle reti Mediaset. Vicedirettore del Tg5 fino al 2013 ha tenuto la rubrica Mezzi Toni su Tgcom24.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Toni Capuozzo

Giornalista, scrittore e volto noto del giornalismo d'inchiesta televisivo italiano. Ha esordito nel giornalismo cartaceo come penna di Lotta Continua nel 1979, seguendo il mondo dell'America Latina. Reporter di guerra ha raccontato i conflitti dell'ex Jugoslavia, della Somalia e del Medio Oriente. Ha condotto lo storico programma Terra! in onda sulle reti Mediaset. Vicedirettore del Tg5 fino al 2013 ha tenuto la rubrica Mezzi Toni su Tgcom24.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.