×

Coronavirus in Spagna, paura ad Alava: “Peggio della Lombardia”

Una regione della Spagna sta adottando misure straordinarie per il contenimento del Coronavirus.

Coronavirus in Spagna
Coronavirus in Spagna

In una Regione della Spagna il tasso d’incidenza di Coronavirus è più alto della Lombardia. Qui però, in un primo momento, il governo ha deciso di non avviare la quarantena (come invece è accaduto nella Penisola), lasciando aperti i confini.

La Regione è quella di Alava nei Paesi Baschi, in Spagna, dove, nella giornata del 10 marzo, il governo ha sospeso tutti i voli da e per l’Italia. La provincia conta circa 320 mila persone e i casi di persone trovate positive ai tamponi sono 122. I numeri non devono ingannare: si parla di circa 37 casi per ogni 100mila abitanti. In Lombardia, la Regione italiana più in difficoltà, al contrario, il tasso d’incidenza del virus è di 34 casi per 100mila abitanti.

Coronavirus in Spagna, paura ad Alava

Tra le due regioni ci sono ovviamente molte differenze. Innanzitutto il numero dei morti, che in Lombardia è più alto. Inoltre i focolai nel territorio spagnolo sono ristretti a tre posti.

Come scrive El Pais, il primo è l’ospedale di Txagorritxu a Vitoria. Qui è però rimasto colpito il personale sanitario. Il secondo è la residenza Sanitas San Martín, anch’essa nella capitale. Il terzo focolaio si è sviluppato in seguito a un funerale tenuto due settimane fa a Vitoria ed è il più temibile: sono state contagiate circa 150 persone. Questo caso tuttavia dimostra la pericolosità del virus, che si muove velocemente.

Anche il Governo basco ha dunque deciso – a partire dal 9 marzo – di introdurre misure straordinarie. Le scuole sono state chiuse per due settimane. Sono state imposte anche altre misure di quarantena. Queste riguardano un centinaio di professionisti in ambito sanitario e nella residenza Sanitas.

Misure straordinarie sono state prese anche a Madrid, la provincia con il maggior numero di infetti (577) in termini assoluti. Tutte le istituzioni educative sono state chiuse. Anche nella capitale spagnola, come a Vitoria e Labastida, il Governo ha invitato i cittadini a lavorare da remoto e a ridurre la mobilità personale il più possibile.

Nato il 18 luglio del 1990, vive a Cassina de' Pecchi. Si è laureato in Storia per seguire la propria voglia di conoscere il passato, ho iniziato l'attività giornalistica per analizzare il presente e le sue innumerevoli contraddizioni. Collabora con Metropolis Notizie e Notizie.it.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Mattia Pirola

Nato il 18 luglio del 1990, vive a Cassina de' Pecchi. Si è laureato in Storia per seguire la propria voglia di conoscere il passato, ho iniziato l'attività giornalistica per analizzare il presente e le sue innumerevoli contraddizioni. Collabora con Metropolis Notizie e Notizie.it.

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora