×

Coronavirus, il messaggio dell’imam: “Allah ci ha mandato un soldato”

Condividi su Facebook

Jamil Al-Mutawa, predicatore legato ad Hamas, ha celebrato l'arrivo del coronavirus con un messaggio: "Allah ci ha mandato un soldato".

coronavirus imam
coronavirus imam

Mentre il coronavirus dilaga nel mondo e continua a registrare vittime e nuovi contagi, tra i predicatori più radicali spunta il messaggio di un imam. Come riporta il quotidiano Libero, infatti, Jamil Al-Mutawa avrebbe utilizzato parole scioccanti per descrivere l’arrivo del Covid-19, considerato un soldato mandato da Allah per uccidere gli infedeli.

Coronavirus, il messaggo dell’imam

Allah ci ha inviato un solo soldato“. Questo il paragone che ha utilizzato un imam per accogliere il coronavirus che si sta diffondendo nel mondo. Le sue parole sono state trasmesse dalla rete televisiva di Hamas, Al-Aqsa TV. “Cosa sarebbe successo se avesse inviati 50 come il coronavirus? – ha proseguito -. Ha inviato un solo soldato e ha colpito tutti e 50 gli stati (americani ndr.).

Gli americani hanno detto che si aspettano che il 58 percento della California venga infettato entro due mesi. Parlano di 25 milioni di persone infette in uno dei 50 stati americani”.

A questo punto l’imam insulta le vittime e accoglie il volere di Allah: “Allah sia lodato”, ha aggiunto al-Mutawa. “Guardate come chiunque si schieri contro la moschea di Al-Aqsa venga distrutto dai soldati di Allah”. Il riferimento è ai due più grandi nemici: Israele e gli Stati Uniti.

“Allah, tieni il coronavirus lontano da noi, allontanaci da noi e scatenalo contro le persone dietro il malvagio Deal”, ha aggiunto ancora.


L’Isis e il coronavirus

Nella newsletter diffusa periodicamente, l’Isis ha descritto la pandemia di coronavirus come un “tormento doloroso” divino contro “nazioni crociate“.

Secondo l’organizzazione terroristica, inoltre, la pandemia ha messo gli Stati occidentali “sull’orlo di una grande catastrofe economica“. “Chiediamo a Dio di aumentare il loro tormento e salvare i credenti da tutto ciò“, ha poi aggiunto l’Isis nella sua newsletter.

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Laura Pellegrini

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.

Leggi anche