×

Coronavirus, re della Thailandia nell’hotel di lusso con 20 concubine

Condividi su Facebook

Tutti gli hotel sono chiusi per l'emergenza Coronavirus, ma non per il re della Thailandia, rifugiato in un albergo in Baviera con 20 concubine.

Coronavirus re della Thailandia
Coronavirus re della Thailandia

Nei paesi in cui vigono restrizioni più rigide per far fronte all’emergenza Coronavirus, gli hotel restano chiusi: il re della Thailandia fa eccezione e a lui tutto è concesso, persino soggiornare in un albergo lussuoso in Baviera. Con lui, ad addolcire e allietare la sua quarantena, ci sono 20 concubine.

Coronavirus, il re della Thailandia in hotel con 20 concubine

Al Grand Hotel Sonnenbichl, chiuso ai più, sta soggiornando tra lusso e comfort il re thailandese Maha Vajiralongkorn, detto anche Rama X. Per lui le regole non valgono e attualmente è in vacanza in un hotel di lusso a Garmisch Patenkirchen, in Baviera. La Bild ha diffuso la notizia, criticando la scelta del monarca e degli albergatori: quello che alla gente comune è vietato, è permesso al monarca 67enne e al suo harem.

“La chiusura per lui non vale”, denuncia il tabloid. La Bild, inoltre, ha spiegato che i gestori del lussuoso hotel bavarese hanno giustificato il permesso concesso al sovrano, perché “gli ospiti appartengono tutti a un gruppo omogeneo di persone, fra i quali non vi è alcuna fluttuazione.


Ai cittadini tedeschi è impedito di uscire di casa in più di due persone alla volta per evitare contatti e agglomerati, contenendo così la diffusione del Covid.-19. Il re Rama X intanto si gode settimane di tranquillità tra le montagne della Baviera. Le 20 concubine sono restate al suo fianco, ma sembrerebbe che altri 119 dipendenti del monarca asiatico non siano stati accolti e, per questo motivo, avrebbero ripreso un volo per Bangkok.

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Asia Angaroni

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.