×

Coronavirus in Belgio: anziana morta dopo aver rifiutato ventilatore

Condividi su Facebook

In Belgio un'anziana donna di 90 anni è morta di coronavirus dopo aver rifiutato la ventilazione artificiale: "Datela a qualcuno di più giovane".

coronavirus-anziana

Arriva dal Belgio una delle tante storie di generosità che stanno contraddistinguendo la pandemia di coronavirus nel mondo e che ha per protagonista un’anziana donna di 90 anni, morta dopo aver rifiutato la ventilazione artificiale affinché venisse data a qualcuno di più giovane.

Nonostante fosse positiva al coronavirus la donna, Suzanne Hoylaerts, non ha infatti voluto essere ricoverata in terapia intensiva in modo da lasciare il suo posto a pazienti che avessero ancora tutta la vita davanti.

Coronavirus, anziana rifiuta ventilazione

Suzanne Hoylaerts si trovava in ospedale dallo scorso 20 marzo, quando venne ricoverata a seguito della comparsa di alcuni sintomi riconducibili al Covid-19, tra cui difficoltà respiratorie e mancanza di appetito. Una volta risultata positiva al tampone la donna è stata trasferita in isolamento, ma dopo pochi giorni le sue condizioni si sono aggravate tanto da indurre i medici a chiederle se volesse la ventilazione artificiale.

A quel punto però la donna ha affermato: “Ho già vissuto abbastanza, ho avuto una bella vita. Non voglio la respirazione artificiale, potrebbe servire a qualcun altro“. La 90enne, in seguito morta due giorni dopo, ha dunque preferito lasciar vivere qualcuno di più giovane al posto suo in un ultimo gesto di generosità.

Le parole della figlia

La morte dell’anziana ha duramente provato la figlia Judith, che hai microfoni dei giornalisti belgi ha dichiarato: “Non posso dirle addio e non ho nemmeno la possibilità di partecipare al suo funerale. Non so neanche dove abbia potuto contrarre il Coronavirus, dal momento che era sempre a casa ed osservava scrupolosamente tutte le misure di restrizione imposte dal governo”.

L’anziana va così ad aggiungersi alle oltre 700 morti di coronavirus che il Belgio ha subito dall’inizio della pandemia, tra cui quella di una ragazzina di 12 anni deceduta nella giornata del 31 marzo che a oggi risulta essere la più giovane vittima di Covid-19 mai registrata in Europa.

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.