×

Coronavirus, in Indonesia morta bimba di 11 anni positiva anche alla dengue

Condividi su Facebook

Una bambina di soli 11 anni ricoverata in un ospedale di Madura, in Indonesia, è morta per le conseguenze del coronavirus.

coronavirus indonesia morta bambina di 11 anni
coronavirus indonesia morta bambina di 11 anni

Aumentano i casi di minori vittime del Covid19. In Indonesia una bambina di 11 anni è morta dopo aver contratto il coronavirus ed essere stata ricoverata lo scorso 19 marzo in un ospedale sull’isola di Madura. La piccola era risultata positiva anche alla febbre dengue.

Indonesia, bimba di 11 anni morta per coronavirus

Secondo quanto diffuso dai media locali, alla bambina era già stata diagnosticata la febbre dengue. Il suo organismo debilitato non è stato in grado di far fronte al coronavirus. Il 19 marzo ha iniziato a presentare febbre alta e difficoltà respiratorie ed è stata ricoverata sull’isola di Madura, non lontano da Java, dove è morta.

Si tratta della più giovane vittima dell’epidemia nel Paese asiatico, dove al momento (dati aggiornati al 1 aprile) si contano 157 morti. Come in Italia, tra i caduti si registrano anche diversi medici (11 al momento, ma si teme un aumento).

In una sola settimana, infatti, i decessi in Indonesia sono triplicati e i casi di positività sono più che raddoppiati, arrivando a 1.677. Secondo gli esperti, tuttavia, le stime sarebbero al ribasso, dal momento che sono ancora pochi i tamponi effettuati su una popolazione di 260 milioni di abitanti.


Minori morti nel mondo

Secondo i dati diffusi dall’Unicef, al momento in Italia si registrano 589 minori contagiati (di età compresa tra 0 e 20 anni) ma nessun decesso. Lo stesso non si può dire, però, per l’Europa e il resto del mondo. La vittima più giovane registrata nel vecchio continente è una 12enne belga senza patologie pregresse. Poco più grandi di lei sono il ragazzino di 13 anni morto a Londra e il 14enne portoghese che soffriva di psoriasi. In Francia è deceduta una ragazza di 16 anni senza patologie pregresse, mentre gli Stati Uniti vantano il triste primato della vittima più giovane al mondo: un bimbo di pochi mesi.

Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Lisa Pendezza

Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.