×

La storia di Amadou, sopravvissuto in Libia e morto per coronavirus

Condividi su Facebook

Amadou avrebbe compiuto 25 anni era sopravvissuto ai lager in Libia ma è morto a causa del coronavirus.

Amadou
Sulla destra l'ivoriano Amadou

La triste storia di Amadou sopravvissuto ai lager in Libia morto per coronavirus. Il 24enne non ha potuto fare nulla contro il nemico invisibile. A darne notizia è lo scrittore, rifugiato politico in Italia Soumaila Diawara.

Amadou sopravvissuto in Libia morto per coronavirus

Diawara ha scritto sui social: “Questa foto è stata scattata il 3 gennaio 2015 in Sicilia, ad Agrigento, una settimana dopo lo sbarco! Amadou era ivoriano, avrebbe compiuto 25 anni il 7 aprile prossimo! Era un amico, un fratellino. Mi è arrivata da Amburgo, in Germania, la brutta notizia che Amadou ci ha lasciato dopo essere stato una settimana in terapia intensiva per Covid-19″.

Ha continuato il rifugiato politico: “Ho conosciuto Amadou nel 2014 mentre eravamo chiusi nel lager in Libia in condizioni estreme. Sempre insieme siamo sopravvissuti ad un naufragio . Mi chiamava sempre zio, perché avevo lo stesso cognome di sua madre, originaria del Mali come me. Era una cosa culturale. Mi ricordo ancora le sue parole, dopo il naufragio del 24 dicembre 2014: “Zio prendi questo numero, se muoio chiama mamma e dille che non ce l’ho fatta.

Che le voglio tanto bene e volevo tanto aiutarla a prendersi cura dei miei fratelli, come ha sempre fatto lei da quando è morto papà”.


Amadou è arrivato in Italia e, dopo aver avuto il permesso umanitario nel 2016, è andato in Germania dove ha iniziato a fare il panettiere. Lo scrittore ha poi concluso nel post: “Amadou sognava di ritornare a casa, rivedere sua madre, che amava tanto, e i suoi fratelli. Purtroppo questo maledetto virus non gli ha permesso di realizzare l’ultimo sogno.

Non ho parole per esprimere il mio dolore. So che mi ricorderò sempre di lui, della prigione di Buslim a Tripoli, nel lager della municipalità di Trabulus, e del naufragio del 24 dicembre. Del nuoto insieme fino alle coste libiche. Della nuova partenza il 25 dicembre e del salvataggio del 26 dicembre sotto la pioggia.

Della scoperta fatta insieme della prima parola italiana “Acqua”, quando ci hanno dato da bere dopo il salvataggio. Mi ricorderò sempre delle risate nel hotspot di Pozzallo, le partite di calcio insieme”.

Nato a Milano nel 1999, si è diplomato in informatica e telecomunicazioni, studia scienze internazionali e istituzioni europee all'Università degli Studi di Milano. Collabora con Notizie.it e Il Giorno.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Federico Dedori

Nato a Milano nel 1999, si è diplomato in informatica e telecomunicazioni, studia scienze internazionali e istituzioni europee all'Università degli Studi di Milano. Collabora con Notizie.it e Il Giorno.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.