×

Coronavirus: Perché il lockdown intelligente olandese può essere una strategia ad alto rischio

Condividi su Facebook

I Paesi Bassi hanno cercato di adottare un “blocco intelligente”, ma l’infezione si sta diffondendo rapidamente e ha uno dei più alti tassi di mortalità al mondo dalla pandemia.

Gli olandesi sono stati anche accusati di non aver dimostrato solidarietà con i paesi dell’Europa meridionale più colpiti dal coronavirus.

Quindi cosa stanno cercando di ottenere gli olandesi e come ha reagito l’Italia?

Che cos’è un “lockdown intelligente”?
Gli olandesi sono tra i pochi che hanno iniziato abbracciando apertamente l’idea controversa di immunità di gregge o di gruppo. Si tratta di un approccio caratterizzato da un esperto di salute globale olandese come freddo e calcolato.

Dopo aver evitato le misure più severe degli Stati vicini, il governo ha perseguito un blocco “intelligente” o “mirato”.

Vuole attenuare i costi sociali, economici e psicologici dell’isolamento sociale e rendere più gestibile l’eventuale ritorno alla normalità.

Il fiorista locale, le gastronomia, panetteria e negozio di giocattoli sono ancora al servizio dei clienti. Manifesti sulla porta e nastro adesivo sul pavimento incoraggiano le persone a dare l’un l’altro spazio. Il personale delle casse indossa guanti chirurgici.

Solo quelle imprese che richiedono toccare, come parrucchieri, estetiste e bordelli a luci rosse, sono stati costretti a cessare il commercio.

Scuole, asili nido e università sono chiusi almeno fino al 28 aprile.

Bar, ristoranti e caffè di cannabis sono chiusi, anche se sembrano fare un commercio ruggente in takeaway.

“Pensiamo di essere lucidi”, ha spiegato la dott.ssa Louise van Schaik del Clingendael Institute of International Relations. “Non vogliamo esagerare, rinchiudere tutti nelle loro case. Ed è più facile tenere le generazioni separate qui, perché il nonno e la nonna non vivono a casa con i loro figli.”

Le persone sono state invitati a rimanere a casa, ma si può uscire se non si è in grado di lavorare da casa, o devono afferrare generi alimentari o aria fresca, fino a quando si mantiene 1,5m (5piedi) distanza sociale.

Aiuta che gli olandesi sembrino essere ampiamente conformi. Un sondaggio ha suggerito che il 99% delle persone ha mantenuto la distanza e il 93% è rimasto a casa il più possibile.

Il primo ministro Mark Rutte ha descritto i Paesi Bassi come un “paese adulto”. “Quello che sento intorno a me, è che le persone sono contente di essere trattate come adulti, non da bambini”, ha detto venerdì.

A volte questo blocco si sente invisibile.

Le città possono essere più tranquille, ma i bambini si arrampicano ancora sulle cornici di arrampicata e gli adolescenti pedalano fianco a fianco.

Come l’Olanda è andato oltre il Regno Unito sull’immunità di gregge

Quando il principale consulente scientifico del Regno Unito ha rivelato un piano per sviluppare un’ampia immunità tra la popolazione, nel giro di pochi giorni i ricercatori hanno rivelato che potrebbe rivendicare un quarto di milione di vite, e il Regno Unito ha cambiato rotta.

Permettere a un virus mortale di diffondersi attraverso la società per creare un livello di immunità implicitamente significa che accettare le persone morirà.

Inizialmente è stato accolto anche dal governo olandese, ma poi rapidamente riconfezionato come un utile sottoprodotto piuttosto che come l’obiettivo principale.

Il Regno Unito cambia rotta tra i timori di un numero di morti
L’epidemia di Coronavirus si trasforma nell’unità dell’UE
Capitale per capitale, il coronavirus chiude l’Europa
Blocco, quale blocco? L’insolita risposta della Svezia
In un discorso televisivo alla nazione del 16 marzo, Rutte ha delineato il suo approccio.

“Possiamo ritardare la diffusione del virus e allo stesso tempo costruire l’immunità della popolazione in modo controllato”, ha detto.

“Dobbiamo renderci conto che possono volerci mesi o anche più per costruire l’immunità di gruppo e in questo periodo dobbiamo proteggere le persone a maggior rischio il più possibile”.

La prof.ssa Claes de Vreese dell’Università di Amsterdam ritiene che il governo britannico non abbia preso misure per tale politica. “Ha lasciato le persone penzolanti e si sentono parte di un bizzarro esperimento sociale”, dice.

Può funzionare?
L’agenzia di sanità pubblica olandese RIVM ha avviato uno studio per vedere fino a che punto gli anticorpi creati quando le persone sono esposte rimangono efficaci nella prevenzione della reinfezione.

“È un po’ come creare il proprio vaccino interno, essendo esposto ad esso e poi lasciando che il tuo corpo generi quegli anticorpi naturalmente, per trasformarsi in una vaccinazione che ancora non esiste”, ha detto la prof.ssa Aura Timen del RIVM alla BBC.

Ha sottolineato che stavano ancora facendo tutto il possibile per rallentare il ritmo di trasmissione del Covid-19 per “appiattire quella curva”.

Il problema è che il numero di decessi nei Paesi Bassi sembra relativamente elevato per una popolazione di 17,2 milioni di persone. Ma anche nel vicino Belgio, che ha una popolazione più numerosa e un blocco più rigoroso, il numero è stato elevato.

La prof.ssa Timen ritiene che la cifra elevata nei Paesi Bassi sia destinata a una rendicontazione efficace: “Abbiamo un buon sistema di segnalazione per le persone che sono state infettate, che sono state ricoverate in ospedale, ma anche per la morte”.

La realtà aumenta con l’aumento dei decessi
I Paesi Bassi si stanno ora sforzando di aumentare la propria capacità ospedaliera, con il picco della crisi previsto in due settimane e di 175 decessi in un periodo di 24 ore. Dall’inizio della crisi sono morte circa 1.650 persone e oltre 6.600 sono state ricoverate in ospedale.

Alcuni pazienti sono stati trasferiti in Germania per liberare posti letto e la sala da concerto di Ahoy Rotterdam, che avrebbe dovuto ospitare l’Eurovision 2020, diventerà una struttura di emergenza.

Si prevede di quadruplicare il numero di test e saranno sottoposti a vagliatura anche operatori sanitari non direttamente coinvolti nel trattamento dei pazienti affetti da coronavirus.

Ma ci sono state anche battute d’arresto.

Quando un milione di maschere spedite dalla Cina sono state considerate difettose, il governo ha dovuto ordinare un richiamo urgente.

C’è una carenza di attrezzature di protezione personale (PPE), quindi gli studenti di Delft stanno lavorando per trasformare gli snorkeling in maschere chirurgiche e l’artista locale Space Fantastic sta raccogliendo donazioni di tessuto e galla una legione di volontari che cucino freneticamente maschere per coloro che sono in prima linea.

Come gli olandesi hanno fatto infuriare gli italiani
Gli olandesi sono in gran parte europeisti, così quando una lettera di importanti italiani a un giornale tedesco li condannava per una “mancanza di etica e solidarietà sotto ogni aspetto”, le parole punse.

I Paesi Bassi e la Germania hanno indagato sull’opposizione all’alleggerimento dell’onere del debito per gli Stati meridionali attraverso l’emissione di “coronabond”.

Secondo Remco van de Pas dell’Università di Maastricht, entrambi i paesi pagano più di quanto non siano usciti, ma questo approccio olandese arrogante, è destinato a ritorcersi contro, afferma Remco van de Pas dell’Università di Maastricht.

Inoltre, è visto come auto-sconfitta.

“Se tutto il sud crolla, il ricco nord cessa di esistere”, come ha detto senza mezzi termini l’ex presidente della Banca nazionale olandese Nout Wellink.

Gli olandesi si affidano ad altri paesi dell’UE che acquistano le loro esportazioni, afferma la prof.ssa Claes de Vreese.

“Abbiamo un interesse comune che rimbalza su di esso in termini economici in un modo che mantiene l’unione e l’euro in un posto forte.”

Poi è arrivata un’ammissione dal ministro delle finanze olandese. Sì, la risposta iniziale dei Paesi Bassi mancava di empatia.

Il primo ministro Rutte ha proposto un fondo di emergenza dell’UE per coprire le spese mediche immediate della crisi, con il contributo degli Stati membri. “Non servirebbe come prestito o garanzia, ma come regalo a coloro che ne hanno bisogno”.

La loro mano fu forzata.

“Gli olandesi hanno beneficiato enormemente dell’Unione europea, del suo lavoro aperto, del suo mercato e della sua mobilità”, mi ha detto il dott.

Ma l’idea di un blocco intelligente, guidato da prove e numeri, è molto diverso dall’approccio più rigoroso nel vicino Belgio, dove anche le vittime sono state elevate.

Per il dottor Van de Pas si tratta di un approccio olandese freddo e calcolato, che può forse funzionare solo in una società individualista abituata a una cultura medica non interventista, dalla culla alla tomba.

Mentre l’immunità del gregge, modificata così com’è, può alla fine smorzare gli effetti dell’epidemia, deve essere accettata da una parte sostanziale della popolazione.

La preoccupazione è che l’approccio olandese possa basarsi più sull’aspirazione che sull’intelligenza reale, e che il “blocco intelligente” dei Paesi Bassi non renda il paese immune.

[Originariamente uscito su BBC]

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.