×

Coronavirus, in Spagna già dal 15 febbraio: la scoperta

Condividi su Facebook

Coronavirus, in Spagna il virus circolerebbe dal 15 febbraio: la scoperta arriva da una ricerca iberica con una "moltitudine di casi".

coronavirus spagna focolai

Coronavirus in Spagna già dal 15 febbraio. La scoperta arriva da uno studio effettuato dall’Istituto di Sanità spagnolo, Carlos III, e pubblicato da El Pais. Il team di scienziati ha analizzato i primi 28 genomi virali letti in Spagna del coronavirus.

La traccia non porta a un singolo paziente zero, ma piuttosto conferma “una moltitudine di casi” di persone infette da altri Paesi durante il mese di febbraio. Lo sostiene il bioinformatico Francisco Díez, il primo firmatario dello studio. Il 23 febbraio, il coordinatore dell’emergenza del ministero della Sanità, Fernando Simón, ha dichiarato: “In Spagna non esiste alcun virus, né la malattia viene trasmessa, né attualmente abbiamo alcun caso”. Ma il virus, sembrerebbe, fosse già in circolo da più di una settimana.

Il team di Díez ha studiato fino a quasi 1.600 genomi virali completi letti dalla comunità scientifica internazionale fino alla fine di marzo. L’analisi mostra che i 28 genomi spagnoli appartengono alle tre principali famiglie di virus identificate nel resto del mondo e denominate S, G e V, con poca diversità tra loro.

Coronavirus, in Spagna già dal 15 febbraio

“Tutti i virus sono molto simili, in linea di principio, con poche mutazioni di differenza, il che è una buona notizia”, afferma Diez, che ora lavora presso la Clinica Ospedaliera di Barcellona. I vaccini sperimentali studiati oggi sono progettati per l’attuale sequenza genetica del virus. Un alto tasso di mutazione potrebbe rovinare l’efficacia dei primi vaccini, che arriveranno al più presto entro un anno. La nuova analisi, pubblicata senza revisione esterna in un archivio aperto, suggerisce che il primo genoma dei 1.600 virus studiati è stato trovato nella città cinese di Wuhan intorno al 24 novembre.

Tredici genomi spagnoli appartengono alla famiglia S e 11 di questi sono collegati a un caso precedente rilevato il 1 febbraio a Shanghai.

Le prime tre S identificate in Spagna provengono da campioni prelevati il ​​26 e 27 febbraio a Valencia. Una settimana prima, 2.500 tifosi valenciani erano andati a Milano per assistere alla partita di calcio Atalanta-Valencia, descritta come “una bomba biologica” dal sindaco di Bergamo, Giorgio Gori.

Tuttavia, l’analisi genetica suggerisce che i coronavirus della famiglia S circolavano già in Spagna ancora prima, intorno al 14 febbraio.

Un altro gruppo di mezza dozzina di casi provenienti da Madrid indica che la famiglia G stava già circolando nella capitale intorno al 18 febbraio. Lo studio consente di verificare la diffusione invisibile ed esplosiva del virus. Il caso di Shanghai del 1 febbraio è apparentemente correlato ad altri due campioni prelevati in Francia il 25 e 26 febbraio, un altro da Madrid il 2 marzo, un altro dal Cile il 3 marzo, un altro dagli Stati Uniti il ​​4 marzo, un altro dalla Georgia l’8 marzo e un altro dal Brasile il 16 marzo.

La mutazione del virus in Spagna

Le probabili rotte di trasmissione sono complicate fino a quando non formano una matassa sulla mappa del mondo. Díez ritiene che questa specifica branca del virus sia passata dalla Spagna ad altri sei paesi. “In Spagna non c’è stato nessun paziente zero. Non c’è nessun paziente zero quando un’epidemia è già così diffusa”, sottolinea il virologo José Alcamí, supervisore del lavoro con il suo collega Inmaculada Casas. Il team del genetista Fernando González Candelas, della fondazione valenciana Fisabio, ha sequenziato i primi tre genomi spagnoli del virus il 17 marzo.

Il suo gruppo ha già letto più di cento genomi. “In base alle informazioni di cui disponiamo oggi, riteniamo che vi fossero almeno 15 voci diverse in Spagna. È qualcosa di simile a quello che è successo in altri paesi, come gli Stati Uniti e l’Islanda, in cui sono stati identificati anche più ingressi di virus “, afferma González. “Il paziente zero non esiste”. Il genetista di Fisabio, che non ha partecipato al nuovo studio, è ottimista: “SARS-CoV-2 ha un tasso di mutazione 1.000 volte più lento di quello dell’influenza o dell’HIV. In linea di principio, questa è una buona notizia”.

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Antonino Paviglianiti

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.