×

Coronavirus in Lituania, concessi spazi pubblici a bar e ristoranti

Con l'obiettivo di far rispettare il distanziamento anti coronavirus, in Lituania il sindaco di Vilnius ha concesso spazi pubblici a bar e ristoranti.

coronavirus-lituania

Con l’inizio dell’ormai nota Fase 2 in molti paesi d’Europa sta iniziando a sorgere il problema di come far rispettare adeguatamente le norme di distanziamento sociale anti coronavirus, ma è dalla Lituania che sembra arrivare una possibile soluzione al problema.

Il sindaco di Vilnius, la capitale del paese baltico, ha infatti deciso di concedere gratuitamente spazi pubblici a molti bar e ristoranti della città, in modo che possano essere sfruttati dagli esercenti per sistemarvi sedie e tavolini e poter così “riempire” il locale recuperando le perdite subito durante la quarantena.

Coronavirus, l’idea della Lituania

Le linee guida imposte dal ministero della Salute lituano prevedono, oltre all’obbligo di guanti e mascherine e alla sanificazione degli ambienti, che tra i tavoli dei locali siano posizionati a minimo due metri l’uno dall’altro. Una distanza difficile da rispettare, soprattutto per quei locali che non possono ospitare coperti all’esterno o che dispongono soltanto di un piccolo dehor per i clienti.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, il primo concerto drive-in in Danimarca

Per poter ovviare alle stringenti – ma necessarie – misure di sicurezza il sindaco di Vilnius Remigijus Šimašius ha pensato bene di offrire spazi pubblici del comune a bar e ristoranti impossibilitati a ospitare i clienti, il tutto gratis e per l’intera stagione. Un iniziativa accolta con entusiasmo dalle attività commerciali cittadine, che spesso si trovano ad essere ubicate in luoghi angusti come i caratteristici vicoli del centro storico di Vilnius.

Per il momento sono diciotto le aree selezionate dal comune per diventare a tutti gli effetti dei bar a cielo aperto, come l’iconica piazza della Cattedrale dei Santi Stanislao e Ladislao, ma appare ormai probabile che possano aumentare a seguito dell’enorme successo della proposta.

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora