×

A Hong Kong ritornano gli scontri con la polizia: centinaia di arresti

Condividi su Facebook

A Hong Kong ritornano gli scontri tra i manifestanti e la polizia. Si contano centinaia di arresti. Timori di uno scontro diretto con Pechino?

Un manifestate arrestato dalla polizia a Hong Kong

Ritornano gli scontri tra i manifestanti e la polizia a Hong Kong, a giudicare dalle centinaia di arresti registrati. Centoventi sono quelli attestati sulla pagina Facebook della polizia. Eppure, a giudicare da fonti locali, sarebbero almeno 150. Dopo i timori di una nuova ondata della pandemia, nell’ex-colonia britannica ritorna il dissenso in piazza: secondo i media locali, il teatro degli ultimi scontri è stato il quartiere di Wan Chai.

I manifestanti avrebbero issato slogan sulla “tirannia” dell’amministrazione locale e issato barricate. La polizia, dal canto suo, avrebbe lanciato gas lacrimogeni e usato spray al peperoncino.

Hong Kong tra nuovi scontri e arresti

Le proteste si sono registrate alle 13 (ora di Hong Kong), vale a dire le 7 (ora locale).

Tutto è iniziato con una marcia non autorizzata inneggiante la “democrazia”. Dal grande magazzino SOGO di Causeway Bay e dal Southorn Playground di Wan Chai, i manifestanti hanno avanzato fino all’arrivo della polizia. Gli agenti, infatti, hanno bloccato la marcia perché non autorizzata e proceduto allo sgombero delle strade. Centinaia gli honkongesi arrestati.

Nuova estate, nuovi scontri

Per Hong Kong inizia una nuova estate all’insegna delle proteste. A partire dal luglio 2019, le proteste sono diventate più violente dopo la decisione della governatrice di Hong Kong, Carrie Lam, di rendere effettiva una legge sull’estradizione.

La norma, che non è stata più approvata dopo le manifestazioni, averebbe consentito di estradere i hongkongesi accusati di aver commesso alcuni crimini. Ex-colonia britannica passata a Pechino nel 1997, Hong Kong conta sette milioni di abitanti che godono di un proprio sistema giudiziario e maggiori diritti politici economici e sociali, come l’accesso libero a internet e il diritto di votare i propri rappresentanti. Per questo, alcuni hongkongesi non accettano i tentativi di “ingerenza” di Pechino.


Il numero degli ultimi arresti lascia presagire un’estate bollente, che molti manifestanti trascorreranno di nuovo per le strade.

Marco Grieco, lucano classe 1987, è giornalista. Archeologo di formazione, è cresciuto a pane e giornalismo. Ha conseguito un master in giornalismo alla Eidos Communication di Roma e uno in comunicazione culturale alla Business School del Sole 24ORE. Collabora con TPI, L'Osservatore Romano e The Vision. Si occupa di inchieste sociali e politica estera, ma non disdegna la cultura e i temi pop. Curioso, ha un podcast di approfondimento giornalistico, Point of News, dove ama dare occhi e voce alle notizie nel mondo. Collabora con Notizie.it.


Contatti:

1
Scrivi un commento

1000
1 Discussioni
0 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
1 Commentatori
più recenti più vecchi
dellelmodiscipio

Data la loro libertà di stampa e la mia conoscenza dell’inglese, mi documenterò on line. Vi farò sapere.


Contatti:
Marco Grieco

Marco Grieco, lucano classe 1987, è giornalista. Archeologo di formazione, è cresciuto a pane e giornalismo. Ha conseguito un master in giornalismo alla Eidos Communication di Roma e uno in comunicazione culturale alla Business School del Sole 24ORE. Collabora con TPI, L'Osservatore Romano e The Vision. Si occupa di inchieste sociali e politica estera, ma non disdegna la cultura e i temi pop. Curioso, ha un podcast di approfondimento giornalistico, Point of News, dove ama dare occhi e voce alle notizie nel mondo. Collabora con Notizie.it.

Leggi anche

lockdown catalogna
Esteri

Coronavirus, torna il lockdown in Catalogna

4 Luglio 2020
La Generalitat catalana ha deciso di attuare una seconda fase di lockdown per 38 comuni della Catalogna. Riapre la Sagrada Familia, ma non per tutti.
Entire Digital Publishing - Learn to read again.