×

Coronavirus, in Francia a cena sotto la “campana” di plexiglass

Condividi su Facebook

In Francia nei ristoranti per il distanziamento sociale da coronavirus si usa la campana di plexiglass. Già diverse strutture utilizzano l'articolo.

coronavirus campana plexiglass

In Francia la soluzione per evitare il coronavirus nei ristoranti è utilizzare la campana di plexiglass. Strutture avvolgono i tavoli ed i clienti proteggendoli ed isolandoli dalla persona che hanno di fronte e dagli altri. L’idea arriva da un designer francese e sta già avendo un successo tra i ristoratori del posto.

Coronavirus, a cena sotto la campana di plexiglass

In Italia i locali hanno optato per la fase 2 con la riapertura delle attività per l’uso del plexiglass al fine di garantire il distanziamento sociale anti-coronavirus. In Francia, invece, i ristoratori hanno trovato un’idea più “artistica” che garantisce la sicurezza e l’innovazione.

Si tratta delle campane di plexiglass che avvolgono i clienti isolandoli dal resto della sala e dalla persona che hanno di fronte.

L’idea è stata subito accoolta dal direttore del ristorante H.A.N.D di Parigi, Matthieu Manzoni, che ha installato nei suoi locali le strutture protettive. Grazie a questi articoli sarà possibile, non solo proteggere la salute dei clienti, ma anche evitare lo spostamento dei tavoli o addirittura, per i locali più piccoli, l’eliminazione di alcuni.

Com’è nata l’idea

La “bolla” per l’isolamento è stata utilizzata da Manzoni ma ideata dal designer francese Christophe Gernigon. Il nome è Plex’Eat.

“I clienti dovranno essere separati: non sappiamo ancora esattamente come, ma questa per me è l’alternativa giusta perché mi consente di non dover spostare i tavoli ” – ha detto Matthieu Manzoni –.

Alcuni clienti probabilmente non gradiranno. Ma penso che tutti noi ci stiamo adattando… Mi piace credere che divertirà qualcuno. In ogni caso non abbiamo scelta, è obbligatorio, dovremo separare i clienti e questo sistema è più poetico di una volgare separazione, francamente è la giusta alternativa”.

Vive a Castellammare di Stabia in provincia di Napoli. Ha una laurea in arti visive, musica e spettacolo, un master in giornalismo e comunicazione ed uno in organizzazione e promozione di Festival ed eventi musicali. Ha studiato canto e pianoforte, incidendo un album e partecipando a premi nazionali come il Premio Mia Martini. Appassionata di spettacolo, televisione e musica italiana, da anni segue il Festival di Sanremo nonché manifestazioni sul territorio concernenti le arti visive.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Annalibera Di Martino

Vive a Castellammare di Stabia in provincia di Napoli. Ha una laurea in arti visive, musica e spettacolo, un master in giornalismo e comunicazione ed uno in organizzazione e promozione di Festival ed eventi musicali. Ha studiato canto e pianoforte, incidendo un album e partecipando a premi nazionali come il Premio Mia Martini. Appassionata di spettacolo, televisione e musica italiana, da anni segue il Festival di Sanremo nonché manifestazioni sul territorio concernenti le arti visive.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.