×

Caso Epstein, la giustizia Usa vuole interrogare il principe Andrea

Il principe Andrea è stato chiamato a collaborare con gli Usa per il caso Epstein, coinvolto nel caso degli abusi su minori.

epstein principe andrea
epstein principe andrea

Il Dipartimento di Giustizia degli Usa ha richiesto di interrogare il principe Andrea sul caso Epstein, suicidatosi nell’estate 2019 dopo l’accusa di abusi sessuali su minorenni. Mai nella storia un membro della famiglia reale era stato chiamato dalla giustizia americana per presunto coinvolgimento in un caso.

La Regina Elisabetta ha costretto il terzogenito ad abbandonare il suo ruolo di membro reale, in attesa di ulteriori chiarimenti.

Epstein, Usa convocano principe Andrea

Secondo quanto riferiscono fonti della BBC e del Sun, il Dipartimento di Giustizia Usa relativamente al caso Epstein, avrebbe richiesto di interrogare il principe Andrea, terzogenito della Regina Elisabetta.

La richiesta è stata inoltrata ufficialmente al Ministero degli Interni britannici. Nel caso il principe si rifiutasse di collaborare, allora sarebbe consentito al tribunale di Londra convocarlo, facendo eco alle richieste americane.

Principe collaborativo?

In un’intervista del novembre 2019 alla BBC, il principe Andrea aveva dichiarato senza problemi la sua amicizia con il miliardiario americano, ma aveva negato di aver vuto contatti con Virginia Giuffré, la “schiava del sesso” che Epstein avrebbe ingaggiato per il principe, minorenne all’epoca dei fatti.

Nel gennaio 2019 il magistrato a capo delle indagini aveva dichiarato che il principe, nonostante avesse dato piena disponibilità per la sua collaborazione, non aveva ancora contribuito alla causa.

Dopo la fuga di notizie sull’interrogazione richiesta in Usa, pare che Andrea abbia cambiato radicalmente idea e sia pronto a collaborare seriamente.

Normale cittadino

Intanto, in seguito allo scalpore mediatico della vicenda, la Regina Elisabetta ha deciso di far abdicare al proprio ruolo di membro della famiglia reale il principe Andrea, a tempo indeterminato. Pare che il principe Carlo stia continuando a pagare 300mila sterline all’anno per garantire piena sicurezza a suo fratello.

Contents.media
Ultima ora