×

Coronavirus, a Pechino si teme una seconda ondata ‘grave’

Il Coronavirus torna a fare paura nella capitale della Cina. A Pechino si teme una grave seconda ondata.

coronavirus-pechino-seconda-ondata
Coronavirus, a Pechino si teme una grave seconda ondata

Il Coronavirus torna a fare paura alla Cina tant’è che il governo asiatico annuncia di temere una grave seconda ondata per la capitale Pechino. A cavallo tra il 13 e il 15 giugno oltre 21 quartieri della capitale cinese sono stati sottoposti nuovamente al regime del lockdown.

I contagi da Coronavirus in Cina stanno tornando a crescere: sia per quanto concerne i casi importati da Paesi terzi, ma anche per le positività registrate direttamente sul territorio nazionale. Ed è per questo che il Governo della Cina lancia l’allarme su una possibile seconda ondata da Covid-19 a Pechino. Che sarebbe ‘gravissima’.

Coronavirus, a Pechino si teme seconda ondata

La situazione a Pechino è tutt’altro che tranquilla: una nuova ondata di contagi da Coronavirus nella capitale cinese è “estremamente grave”.

A riferirlo è un portavoce della municipalità di Pechino dopo le recenti notizie sui nuovi casi positivi riscontrati in Cina. Numeri alla mano, infatti, oltre un centinaio di persone sono state riscontrate positive al Covid-19 da giorno 7 giugno.

Il nuovo focolaio, che spaventa Pechino, è stato individuato nel mercato all’ingrosso di Xinfadi, uno dei più importanti del Paese. Secondo il portavoce Xu Hejian, la megalopoli – che registra la bellezza di 21 milioni di abitanti – è impegnata in una vera e propria corsa contro il tempo per contrastare questa nuova ondata.

L’obiettivo di Pechino è quello di avere: “Un buon margine di anticipo sull’epidemia e decidendo le misure più restrittive, decisive e determinate”. Nella capitale la capacita’ di test, al momento, è di oltre 90 mila tamponi al giorno.

Contents.media
Ultima ora