×

Uccide la moglie in crociera per ottenerne la ricca eredità

Condividi su Facebook

Per guadagnarne l'eredità da 1 milione di dollari, un uomo uccide la moglie in crociera sul Mediterraneo, strangolandola brutalmente.

Uccide la moglie in crociera, per l'eredità
Uccide la moglie in crociera, la getta dalla nave per l'eredità.

Uccide la moglie strangolandola mentre si trova in crociera con lei, sul Mar Mediterraneo. L’assassino si chiama Lonnie Kocontes, 62 anni, originario della California, e ora è colpevole di omicidio. Il crimine ha avuto luogo nel maggio del 2006, ai danni di Micki Kanesaki, 52 anni.

Uccide la moglie in crociera, per l’eredità

Qualche giorno dopo aver ucciso la moglie, conclusasi la crociera, Kocontes era tornato a casa come se nulla fosse, in California, speranzoso di poter mettere le mani sulla ricca eredità: ben 1 milione di dollari.

Il corpo della donna è stato in seguito rinvenuto sulla costa di Paola, provincia di Cosenza.

L’uomo, che di professione fa l’avvocato, aveva divorziato nel 2002 secondo quanto afferma il vice procuratore distrettuale Susan Price. La coppia però viveva ancora insieme e lavoravano entrambi, per dividere i loro beni dopo 7 anni di matrimonio.

Il crimine quasi perfetto

In seguito, l’uomo ha sposato Amy Nguyen, per poi presentare in tribunale una mozione che mirava a forzare la ex moglie nel vendere la loro precedente casa, a Ladera Ranch. Trasferitosi di nuovo con lei, ha detto alla nuova compagna di amarla e non volerla lasciare, secondo quanto riporta KCBS-TV. La signora Nguyen ha però divorziato da Kocontes dopo il ritrovamento del corpo della Kanesaki.

Todd Spitzer, procuratore distrettuale di Orange County, ha dichiarato: “Nonostante tutta la sua minuziosa pianificazione per scegliere la nave perfetta, la stanza perfetta e il momento perfetto per commettere l’omicidio, il fatto che la abbia strangolata prima di gettarla in mare ci ha dato le prove per condannarlo”. La vittima era infatti morta molto tempo prima di finire nell’Oceano, quando le Autorità l’hanno ritrovata ne hanno stabilito la morte per strangolamento.

Nata a Milano il 14 dicembre 1988, ha studiato Scienze Linguistiche per l'Informazione e Comunicazione. Appassionata di lingue straniere e giornalismo, ha collaborato con Focus Domande&Risposte, Nanopress, I Nostri Amici Cavalli, The Reiner magazine. Le sue grandi passioni sono il fitness e l'equitazione, lo spettacolo, i viaggi, la fotografia e la natura.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Cecilia Lidya Casadei

Nata a Milano il 14 dicembre 1988, ha studiato Scienze Linguistiche per l'Informazione e Comunicazione. Appassionata di lingue straniere e giornalismo, ha collaborato con Focus Domande&Risposte, Nanopress, I Nostri Amici Cavalli, The Reiner magazine. Le sue grandi passioni sono il fitness e l'equitazione, lo spettacolo, i viaggi, la fotografia e la natura.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.