×

Starbucks ritira pubblicità dai social network: “Stop ai discorsi di odio”

Condividi su Facebook

Starbucks ha deciso di ritirare dai social network le pubblicità per spingerli ad un controllo più serrato degli hate speech.

starbucks pubblicità social network

All’elenco delle società che hanno deciso di ritirare temporaneamente le proprie pubblicità in evidenza dai social network si è aggiunta Starbucks. La motivazione è da addurre al controllo troppo superficiale e blando fatto sui contenuti d’odio e a sfondo razzista.

Starbucks ritira pubblicità dai social network

Crediamo nella necessità di tenere unite le comunità, sia online che nel mondo reale, e siamo contrari agli hate speech“, ha affermato l’azienda in un comunicato diffuso. Credendo che si debba fare di più per creare comunità online inclusive e che sia i leader aziendali che i responsabili politici debbano muoversi all’unisono per un cambiamento reale, ha deciso di sospendere le proprie inserzioni pubblicitarie da Facebook.

La società continuerà comunque a pubblicare post sulle piattaforme senza però promozioni a pagamento.

Un portavoce di Starbucks ha infatti spiegato che la decisione non includerà YouTube, di proprietà di Google. Intanto l’azienda ha avviato discussioni interne, con i media partner e con le organizzazioni per i diritti civili con l’obiettivo di fermare la diffusione del discorso d’odio sulle piattaforme.

Si tratta dell’ultimo grande inserzionista che ha preso questa decisione.

Nei giorni precedenti lo stesso avevano fatto altri colossi come Coca Cola, Daigeo e Unilever. Proprio quando il colosso anglo-olandese ha annunciato le sue volontà, i titoli del Tech hanno subito un grave contraccolpo in Borsa. Cosa che al fondatore di Facebook, Zuckerberg è costata oltre 7 miliardi di dollari di erosione del proprio patrimonio.

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Debora Faravelli

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it

Leggi anche

lockdown catalogna
Esteri

Coronavirus, torna il lockdown in Catalogna

4 Luglio 2020
La Generalitat catalana ha deciso di attuare una seconda fase di lockdown per 38 comuni della Catalogna. Riapre la Sagrada Familia, ma non per tutti.
Entire Digital Publishing - Learn to read again.