×

Crollo in miniera in Myanmar: almeno 113 i morti

Condividi su Facebook

Dramma in Myanmar: crollo in miniera di giada causa almeno 113 morti e 200 dispersi. Operazioni di soccorso sospese.

frana myanmar

Dramma in Mynamar dove si è registrato, mercoledì 2 luglio, il crollo di una miniera di giada. Il bilancio è gravissimo: sarebbero almeno 113 le persone che hanno perso la vita nel crollo avvenuto nello Stato birmano di Kachin. Lo riferisce la stampa locale, secondo cui i soccorritori hanno già estratto i corpi senza vita delle vittime, ma molti minatori restano ancora dispersi.


Il crollo della miniera di giada, in Myanmar, è avvenuto attorno alle 8 del mattino, ora locale, nei pressi del villaggio di Sate Mu, nella municipalità di Hpakant. Secondo un funzionario locale, U Dollar. Il crollo è stato causato dalle piogge monsoniche che nei giorni scorsi hanno anche causato frane e smottamenti in altre aree del paese.

In Myanmar, al momento, sono almeno 200 i dispersi.

Crollo miniera: gli aggiornamenti

Secondo quanto diramato dalle autorità locali intorno alle ore 11 italiane, si è aggravato il bilancio dei morti e dispersi dopo il crollo nella miniera a Myanmar. Non sono più 50 le vittime, ma ben 113. Lo ha riferito in un post su Facebook il servizio dei vigili del fuoco del Paese asiatico.

Fonti di polizia citate dai media della regione sostengono che le operazioni di soccorso sono state sospese a causa delle pesanti piogge.

Myanmar, crollo miniera: il bilancio

Il bilancio del crollo in miniera di giovedì 2 luglio a Myanmar, parla di almeno 113 morti e 200 dispersi. Ma si tratta di un evento non del tutto imprevisto. Da anni, infatti, gli ambientalisti denunciano la deforestazione della zona ove è avvenuta la tragedia.



Gli scavi nelle miniere di giada, molto profondi a cielo aperto, hanno provocato la nascita di bacini che durante i monsoni si riempiono di acqua e sono sottoposti a crolli delle ripide pareti che li circondano, su terreni spogli non trattenuti dalla vegetazione.

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Antonino Paviglianiti

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.