×

Pony picchiato a morte da adolescenti: “Colpito su schiena e fianchi”

Condividi su Facebook

Un gruppo di adolescenti hanno picchiato a morte un pony a ovest di Dublino: l'animale è stato trovato in fin di vita ed è deceduo poco dopo.

Pony picchiato a morte da adolescenti

Un Pony è morto dopo essere stato picchiato a morte da un gruppo di adolescenti nella periferia ovest di Dublino. Una donna ha assistito alla scena e ha dato subito l’allarme: ora le associazioni per la difesa degli animali chiedono giustizia per Jenna, questo il nome della vittima, morta a causa del pestaggio subito.

Pony picchiato a morte

Autori del gesto ignobile sono alcuni ragazzini di età compresa tra 15 e 16 anni che lo hanno aggredito, uno salendo sulla sua schiena e percuotendolo con violenza e un altro su un fianco con alcuni oggetti. Hanno poi abbandonato l’animale nel bosco tra gli alberi. Non appena il testimone ha dato l’allarme, tre volontari dell’MLHR, la My Lovely Horse Recuse, si sono recati a cercare l’area esatta senza però riuscire a localizzarlo perché era tardi e buio.

L’indomani Martina Kenny, cofondatrice dell’associazione, su segnalazione di un uomo che l’aveva avvistata ad Adamstown, l’ha trovata martoriata, piena di grumi di sangue, con il viso gonfio a in fin di vita. Così, insieme ad altri volontari, l’ha portata nella propria fattoria ma purtroppo è deceduta il giorno dopo.

“Jenna era debole, davvero molto debole. Aveva la testa bassa. La cosa folle era che il suo viso era gonfio, il suo corpo aveva grumi e protuberanze, non tagli ma grumi. Il veterinario che la stava aspettando, ha detto che è stata picchiata con forza“, ha spiegato Martina, che ora chiede l’identificazione e la punizione dei responsabili della brutale aggressione.

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it


Contatti:
2 Commenti
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
calamiggnatto 57 e i suoi sgherri in molestia sonn
3 Luglio 2020 00:09

povera bestia, che male aveva fatto? giustizia….

karlo
3 Luglio 2020 03:14

catturare gli assassini e dopo aver dato loro un consistente assaggio delle “carezze ” che avevano inflitto all’animale, tenerli sotto stretto controllo in quanto potenziali serial killer


Contatti:
Debora Faravelli

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.