×

In Florida un caso confermato di ameba mangia cervello

Condividi su Facebook

La malattia è fatale e colpisce le vie neurologiche: confermato un caso di ameba mangia cervello negli Usa.

ameba mangia cervello
Ameba mangia cervello in Florida

In questo assurdo 2020 non c’è un attimo di pace. Non solo il Coronavirus a far paura per la salute mondiale, ma anche nuovi casi di peste nera (in Mongolia) e un caso confermato di ameba mangia cervello in Florida.

A darne notizia è la Bbc che cita fonti governative. Precisamente a Hillsborough, in Florida, è tornata a far paura la Naegleria fowleri, conosciuta anche come ameba ‘mangia cervello’.

Secondo quanto riferito dalle cronache locali, comunque, le autorità sanitarie non avrebbero spiegato dove è stata contratta l’infezione né dato notizie sulle condizioni del paziente. L’ameba è piccola, molto rara ma spesso e volentieri letale.

Cos’è l’ameba mangia cervello

Si tratta di un virus microscopico che può causare un’infezione al cervello, geralmente fatale.

Si trova, di norma, in acqua dolce, ed entra nel corpo attraverso il naso e non può essere trasmessa da persona a persona. Secondo quanto riferito dagli esperti sanitari queste infezioni sono in genere diffuse: “Negli stati del sud degli Stati Uniti e sono rari in Florida, dove dal 1962 sono stati segnalati solo 37 casi”.

A causa delle conseguenze letali dell’ameba mangia cervello l’autorità sanitaria locale ha emesso: “Un avvertimento per i residenti della contea di Hillsborough il 3 luglio scorso”.

I consigli sono quelli di evitare il contatto: “Delle vie nasali con l’acqua dei rubinetti e di altre fonti, come laghi, fiumi, stagni e canali, dove le infezioni sono più probabili nei mesi estivi più caldi di luglio, agosto e settembre”.

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze


Contatti:
2 Commenti
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Caro
7 Luglio 2020 11:47

L’ameba è un animale, un protozoo. Non si può leggere, davvero: ” si tratta di un virus microscopico”.
Se mai è un animale microscopico!
Ma chi diavolo scrive sti articoli? Se si tratta di temi scientifici, prendete qualcuno che sappia scrivere di scienze.
Sembra scontato, eppure… meglio fare figure di sterco

Danila
21 Luglio 2020 07:29
Risponde a  Caro

Esatto! Concordo!


Contatti:
Antonino Paviglianiti

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze

Leggi anche

Contents.media