×

Coronavirus, 17enne muore dopo aver partecipato a un Covid party

Condividi su Facebook

Una ragazza di 17 anni è morta negli Usa dopo che la madre no vax l'aveva portata a un Covid party per contrarre volontariamente il coronavius.

Tragedia negli Stati Uniti, dove una ragazza di soli 17 anni è morta d coronavirus dopo che la madre antivaccinista l’aveva costretta a partecipare a un cosiddetto Covid party, con l’intenzione di contrare volontariamente il Sars-CoV-2 in modo da immunizzarsi.

Carsyn Leigh Davis, di Fort Myers, era però immunodepressa a seguito di un cancro che aveva sconfitto anni prima e la partecipazione al Covid party all’interno di una chiesa con decine di persone senza mascherina e non distanziate è stato per lei fatale. La giovane è infatti morta circa due settimane dopo l’insorgenza dei primi sintomi.

Partecipa a Covid party, morta 17enne

Stando a quanto riportato dalla testata locale Fort Myers News Press la madre della 17enne, l’infermiera antivaccinista Carole Brunton Davis, avrebbe accompagnato la figlia a un Covid party in chiesa con la convinzione che quest’ultima si sarebbe immunizzata al coronavirus. La ragazza ha effettivamente contratto il virus, ma il suo sistema immunitario debole non le ha permesso di reagire alla malattia, che si è rivelata subito molto aggressiva sul suo organismo.

A quel punto la madre di è categoricamente rifiutata di portarla in ospedale, preferendo curarla in casa utilizzando dapprima dell’azitromicina e in seguito dell’idrossiclorochina, un farmaco la cui efficacia contro il coronavirus è stata ampiamente discussa e la cui sperimentazione è stata persino bloccata dall’Oms.

Il trasferimento in ospedale

Quando ormai una settimana dopo le condizioni delle giovane si erano ulteriormente aggravate la donna si è finalmente decisa a portarla in ospedale, dove però la malattia aveva raggiunto uno stadio troppo avanzato.

Nonostante i tentativi dei medici, i quali hanno tentavo persino una trasfusione di plasma in extremis, la 17enne non ce l’ha fatta ed è morta alla fine di giugno dopo due settimane di sofferenza.

Malgrado ciò, la madre della ragazza è ancora convinta della bontà del suo gesto e intervistata dal Fort Myers News Press ha dichiarato che la figlia era una patriota cristiana: “Siamo incredibilmente rattristati dalla sua scomparsa in giovane età, ma siamo confortati dal fatto che non abbia sofferto”.

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.