×

Scontri a Beirut, occupati i palazzi del potere: un agente morto

A Beirut si sono susseguiti scontri nei pressi dei palazzi del potere, occupati in segno di protesta per le vittime del porto.

scontri beirut occupati palazzi
scontri beirut occupati palazzi

Nella giornata di sabato 8 agosto migliaia di libanesi sono scesi in strada a Beirut per commemmorare le vittime dell’esplosione, dando vita a scontri con le forze dell’ordine nei pressi dei palazzi del potere, occupati in segno di protesta.

Pesante il bilancio: un agente morto, 730 feriti e 60 persone ricoverate. Il Premier Libanese Hassan Diab chiede le elezioni anticipate. Nessuna emittente tv trasmetterà discorsi politici o dichiarazioni.

Scontri Beirut, occupati i palazzi dei ministeri

A Beirut non si placa la rabbia per le centinaia di vittime morte nell’esplosione al porto: migliaia di libanesi sono scesi in strada, dando vita a numerosi scontri con le forze dell’ordine, per cercare risposte ai palazzi del potere, occupati in segno di protesta.

Un “sabato della rabbia” (così lo ribattezano i media esteri) sfociato in una vera e propria guerriglia dal bilancio disastroso: un agente morto, 730 feriti e circa una sessantina di civili ricoverati.

Assalto al potere

I manifestanti hanno assaltato il Ministero degli Esteri, dove sono state bruciate le foto del presidente della Repubblica Michael Aoun, davanti ai media libanesi. In seguito, sono stati presi d’assalto i palazzi di Economia, Ambiente, Energia e Commercio.

L’esercito ha impedito che i manifestanti potessero entrare nel Parlamento, blindatissimo vista la situazione critica.

Sul banco degli imputati oltre ad Aoun, anche il premier Hassan Diab e il leader di Hezbollah Hassan Nasrallah. “Siete da impiccare, siete degli assassini“, hanno ripetuto con rabbia e disperazione i cittadini che incolpano i tre membri politici per la tragedia del porto.

Elezioni anticipate

Mentre i manifestanti davano sfogo della rabbia nelle strade, Lbc, principale emittente televisiva libanese ha deciso di non trasmettere più dichiarazioni politiche e discorsi, per evitare ulteriori reazioni dei cittadini.

A tal proposito, il premier Hassan Diab ha chiesto l’anticipazione delle elezioni: “Resterò al governo per due mesi in attesa dell’accordo politico“.

Contents.media
Ultima ora