×

Finlandia, la prima ministra chiede la riduzione dell’orario di lavoro

La soluzione della prima ministra finlandese, Sanna Marin, per uscire dalla crisi post-Covid: da otto a sei ore. La sfida del Paese scandinavo.

Finlandia, riduzione orario lavoro

In Finlandia, la prima ministra, Sanna Marin, ha chiesto la riduzione dell’orario di lavoro da otto a sei ore. Secondo Marin, una giornata lavorativa aumenterebbe la produttività. È quanto riferisce il quotidiano Helsinki Times.

La proposta della riduzione dell’orario di lavoro in Finlandia

Nel Paese scandinavo la proposta della 34enne Marin è stata avanzata durante il suo discorso al partito socialdemocratico di cui è presidente. L’idea di portare le ore di lavoro da otto a sei è stata avanzata con l’idea che questo favorisca un’ottimizzazione dell’impiego. L’attuale prima ministra aveva lanciato la proposta già prima del suo incarico. La convinzione è quella che, in questo modo, si migliori la produttività e non peggiori, come invece pensano i detrattori della proposta.

Al contrario, nel suo discorso ha spiegato: “Dobbiamo sforzarci di migliorare la produttività del lavoro come società, come aziende e come dipendenti“.

Una strategia per una Finlandia post-Covid

La proposta di Marin è emersa come strategia per il futuro del Paese. Il governo riconosce il grosso impatto che il Covid ha avuto per migliaia di lavoratori finlandesi. Per questo, come soluzione propone la riduzione dell’orario di lavoro certa che sia proprio tale espediente a dettare le condizioni per una rinascita dell’intero comparto produttivo.

Per la prima ministra, si tratta di “un modo per migliorare le condizioni di lavoro e ridurre l’orario in modo da non compromettere i livelli di reddito”.

Lo confermerebbero i dati. “Quando la Finlandia è passata a una giornata lavorativa di otto ore e una settimana lavorativa di cinque giorni, in conformità con gli obiettivi dei socialdemocratici, ciò non ha portato a un crollo dei salari, ma al contrario i salari sono migliorati nel corso dei decenni” ha aggiunto.

Contents.media
Ultima ora