×

Francia, maestro troppo tatuato non potrà più insegnare all’asilo

Condividi su Facebook

In Francia un maestro d'asilo è stato allontanato dal suo incarico perché troppo tatuato. Per i genitori dei bambini "è spaventoso".

maestro-tatuato-francia
maestro-tatuato-francia

Il maestro è troppo tatuato e in una scuola dell’infanzia di Francia non sarà più ammesso: spaventa i bambini. A chiederlo a gran voce sono stati i genitori dei piccoli che dopo aver visto il suo corpo costellato da tatuaggi evidenti, hanno deciso di fare un esposto al Provveditorato.

Maestro tatuato cacciato dall’asilo in Francia

Sylvain è un maestro d’asilo che dall’età di 27 anni ha iniziato a tatuarsi e non ha più smesso. Adesso di anni ne ha 35 ed è conosciuto come l’uomo più tatuato di Francia. Primato che gli è costato il posto di lavoro all’interno di una scuola dell’infanzia. “Troppi tatuaggi, spaventa i nostri bambini” hanno urlato a gran voce i genitori dei bambini della scuola di Sylvain.

Con un’accorata richiesta al Provveditorato del dipartimento dell’Essonne, hanno chiesto che il maestro venisse sollevato dall’incarico, motivando il loro esposto con un eloquente “è spaventoso e terrorizza i nostri figli“.

L’organo amministrativo ha quindi accolto in parte la richiesta dei tanti genitori. Per placare le lamentele ma, allo stesso modo, per non discriminare Sylvain, ha deciso di rimuovere il maestro dall’incarico nella scuola dell’infanzia, potendo continuare a insegnare nelle scuole elementari e medie.

Sylvain ha accolto le disposizioni senza lamentele, ma ha tenuto a precisare che non si è mai sentito giudicato dai bambini durante la sua carriera da maestro. “I miei studenti non hanno mai detto che sono ‘un mostro’ o che sono orribile. Posso capire una misura di prudenza – afferma il maestro – ma non sono un provocatore. E penso invece che il mio aspetto insegni cosa sia la diversità ai bambini“.

Non è la prima volta che la scelta di tatuarsi in modo permanente una parte del corpo comporti un allontanamento dal posto di lavoro.

Di recente era accaduto anche in Italia, a Casalpusterlengo, a una giovane poliziotta.

Messinese, classe 1993, laureata magistrale in "Media, comunicazione digitale e giornalismo” presso La Sapienza di Roma. Collabora con “Auralcrave”, “Che tv fa”, “Metropolitan Magazine”.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Maria Zanghì

Messinese, classe 1993, laureata magistrale in "Media, comunicazione digitale e giornalismo” presso La Sapienza di Roma. Collabora con “Auralcrave”, “Che tv fa”, “Metropolitan Magazine”.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.