×

Ex manager della campagna elettorale di Trump tenta il suicidio

Condividi su Facebook

Brad Parscale, ex manager e spin doctor di Donald Trump, si è barricato nella sua casa in Florida impugnando una pistola. Ora è in ospedale.

Ex manager dello staff di Trump minaccia il suicidio

Brad Parscale, ex manager di Donald Trump, è stato fermato dalla polizia dopo ore concitate in cui ha minacciato il suicidio. L’allarme è stato lanciato dalla ex moglie agli agenti di Fort Lauderdale, in Florida. Secondo quanto ricostruito dalle testate locali, in primis il Miami Herald, l’uomo che fino a giugno era a capo dello staff elettorale dell’attuale presidente Usa avrebbe impugnato una pistola e si sarebbe barricato in casa.

In preda ad alterazione, avrebbe iniziato a minacciare di rivolgere l’arma contro di sé. A quel punto sono intervenuti gli agenti ed hanno fatto desistere l’uomo dal suo insano proposito, ammanettandolo e conducendolo in ospedale per accertamenti.

Ex manager Trump tenta il suicidio

Il tentato suicidio dell’ex manager di Trump arriva in un periodo molto particolare della sua vita. Già promessa del basket, dopo aver chiuso con lo sport ha intrapreso la carriera di spin doctor politico a servizio di numerosi governatori repubblicani.

Fino ad arrivare a richiamare l’attenzione di Donald Trump, che gli aveva affidato la sua campagna elettorale per le Presidenziali del 3 novembre prossimo in cui sfiderà Joe Biden. 

A giugno però c’era stato il tonfo. Il clamoroso flop di un comizio a Tulsa, nello stato dell’Oklahoma, aveva intaccato per sempre la credibilità di Parscale. Secondo Trump non era stato abbastanza capace di calamitare l’attenzione della popolazione nella fase pubblicistica dell’evento.

Comizio flop: licenziato in tronco

Dopo il flop di Tulsa, Parscale era stato licenziato in tronco, sostituito dal ‘maghetto’ Bill Stepien, incappato a sua volta in uno scandalo per ritorsioni contro un sindaco di simpatie democratiche. Il giovane manager aveva fatto perdere le tracce di sé fino a quando non ha minacciato il suicidio.

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Giampiero Casoni

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.