×

Uccide i genitori e li scioglie nell’acido: non volevano più mantenerlo

Condividi su Facebook

Il 32enne Joel Guy jr. ha ucciso i genitori cercando successivamente di scioglierne i corpi nell'acido per incassare l'assicurazione sulla vita.

Arriva dagli Stati Uniti la tragica storia di un uomo di 32 anni che ha ucciso i propri genitori nel novembre del 2016 dopo che questi avevano minacciato per l’ennesima volta di non voler più mantenere il suo stile di vita da scansafatiche.

In un contesto di lucida follia omicida, Joel Guy Jr. ha massacrato la madre 55enne Lisa e il padre 61enne Joel Senior con decine di coltellate, cercando poi di scioglierne i cadaveri nell’acido nel tentativo di far sparire i corpi e incassare così un’assicurazione sulla vita di circa 500mila dollari.

Usa, uomo uccide i propri genitori

Secondo quanto riportato dai giudici durante il processo tenutosi in questi giorni, il 32enne avrebbe colpito il padre con quaranta coltellate mentre la madre era fuori per fare la spesa, accoltellando poi anche lei con trenta fendenti quando questa è rientrata in casa.

Successivamente l’assassino ha tentato di disfarsi dei cadaveri facendoli a pezzi e sciogliendo le singole parti con l’acido all’interno di alcuni contenitori di plastica ad eccezione della testa della madre, che Joel Guy ha fatto bollire in una pentola.

Un atroce delitto che ha assunto connotati ancora più inquietanti quando gli investigatori hanno scoperto i diari dell’uomo.

Tra le pagine è infatti emersa la lunga premeditazione dei due omicidi, iniziata probabilmente quando i genitori minacciarono per la prima volta di interrompere l’assegno di mantenimento per il figlio nel lontano 2013. Nel tentativo di costruirsi un’alibi credibile, Joel Guy aveva inoltre l’intenzione di utilizzare le mani mozzate del padre per coprire le sue impronte digitali sulla scena del crimine.

Ascoltate dai giudici, le tre sorelle dell’uomo hanno tuttavia affermato di non aver avvertito comportamenti insoliti da parte del fratello durante il pranzo del Ringraziamento avvenuto poco tempo prima degli omicidi.

La scorsa settimana, Joel Guy ha supplicato la Corte di giustiziarlo nel caso fosse stato ritenuto colpevole, ma i pubblici ministeri hanno chiarito che non intendono applicare la pena di morte in questo specifico caso.

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.