×

Coronavirus Usa: morti i genitori, orfano un bambino di 4 anni

Condividi su Facebook

Tragica storia quella che arriva dal Texas: un bambino di 4 anni infatti, è rimasto orfano di entrambi i genitori a causa del Coronavirus

bambino orfano a causa del covid

Il Coronavirus ha trasformato la vita di molte persone, cambiandola dall’oggi al domani. Come accaduto a Raiden Gonzalez, un bimbo di 4 anni reso orfano dal Covid.

Bambino orfano causa del Coronavirus

La triste storia si è verificata a San Antonio, Texas, dove un bambino di 4 anni, questo mese non festeggerà il suo compleanno attorniato dall’affetto dei suoi genitori, perchè il Coronavirus se li è portati via. 

A raccontare la triste vicenda è la nonna del bambino, Rozie Salinas, che al nipotino, quando gli ha chiesto di voler vedere la mamma, ha raccontato – “che ora sono angeli che vegliano su di noi e ci proteggono”. 

L’incubo per questa famiglia è iniziata quando un collega del padre del bambino, Adan 33 anni camionista, è risultato positivo al virus.

Il giorno 3 Giugno, anche Adan, a seguito della positività, viene ricoverato presso l’ospedale di  San Antonio. Secondo gli stessi operatori sanitari “era uno dei due casi più complessi dell’ospedale”. Poco più di venti giorni dopo, il 26 Giugno, è venuto mancare all’affetto dei suoi cari.

Dopo il papà morta anche la mamma

Ma come se non bastasse la tragica perdita del padre, Raiden, il 5 Ottobre, perde anche la madre Mariah, 29 anni.

Scomparsa che lascia sbigottiti, perchè avvenuta poche ore dopo che aveva iniziato a sentirsi male. La madre di Mariah, nemmeno sapeva che la figlia fosse positiva al Covid: lo ha scoperto pochi giorni dopo il suo decesso, quando un operatore dell’ospedale le ha telefonato per comunicarle la notizia. 

Nonna Rozie, nonostante tutto, vuole comunque organizzare una bella festa di compleanno per il nipotino, pertanto insieme a sua sorella sta organizzando un raduno di auto e mezzi pesanti: -“Parteciperanno diversi club di camion, motociclisti, club di Mustang, auto d’epoca, club di jeep, oltre ai vigili del fuoco.

Ci sarà un’affluenza enorme”.

Per nonna Rozie al momento l’unica cosa che riesce a darle la spinta per affrontare questo difficile momento è il suo nipotino Radan, come dice lei stessa: -“quello che mi fa andare avanti. Mi ringrazia sempre per essermi preso cura di lui. È una situazione difficile da elaborare”. 


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Contents.media