×

Morto il leader di Al Qaeda Ayman al-Zawahiri

Condividi su Facebook

Scomparsi in pochi mesi i principali esponenti del noto gruppo terroristico.

Bin Laden e al-Zawahiri

Morto il leader di Al Qaeda Ayman al-Zawahiri. Aveva 69 anni. Successore di Osama Bin Laden, al-Zawahiri sarebbe deceduto per cause naturali, probabilmente un attacco d’asma. In un arco di tempo pari a tre mesi, sono scomparsi i vertici del noto gruppo terroristico.

A riportare la notizia della morte di al-Zawahiri è stata la testata Arab News Pakistan, che si è prima accertata ascoltando quattro fonti differenti tra Afghanistan e Pakistan. Al-Zawahiri avrebbe lasciato questo mondo già da diversi giorni. Il leader di Al Qaeda era apparso l’ultima volta lo scorso 11 settembre per commemorare l’anniversario dell’attacco alle Twin Towers del 2001.

Morto l’esponente di Al Qaeda al-Zawahiri

Al-Zawahiri sarebbe morto da alcuni giorni per un attacco d’asma. Era uno dei principali esponenti di Al Qaeda e successore di Osama Bin Laden. Se la notiza fosse confermata, ciò significherebbe l’organizzazione terroristica ha perso i suoi tre leader nel giro di una manciata di mesi: Abu Muhamamd al-Masri, ucciso a Teheran dal Mossad, e Hamza Bin Laden, erede di Osama, ucciso dai Navy Seal Usa nel corso di un raid.

Due fonti hanno confermato la morte

Prima di rendere nota la notizia, Arab News si è preoccupata di ascoltare quattro fonti tra Pakistan e Afghanistan. Due di esse hanno confermato il decesso di al-Zawahiri. Da quello che si sa al momento, il leader di Al Qaeda sarebbe spirato a Ghazni.

Nato a Capua il 4 Agosto 1988, si è laureato in Filologia classica e moderna ed è iscritto all'Ordine dei giornalisti di Napoli. Collabora con diverse testate giornalistiche online, tra cui Blasting News e Scuolainforma.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Marco Della Corte

Nato a Capua il 4 Agosto 1988, si è laureato in Filologia classica e moderna ed è iscritto all'Ordine dei giornalisti di Napoli. Collabora con diverse testate giornalistiche online, tra cui Blasting News e Scuolainforma.

Leggi anche

Contents.media