×

Pescatori siciliani in Libia, l’ansia delle famiglie: “Portateli a casa”

Condividi su Facebook

I pescatori siciliani sono stati bloccati in Libia, a 40 miglia dalle coste africane prima di essere trasferiti in carcere.

pescatori italiani sequestrati libia

Per i pescatori siciliani sequestrati in Libia e per le loro famiglie, il tempo è rimasto bloccato da 91 giorni. Da quella notte tra l’1 e il 2 settembre quando i pescherecci Medinea e Antartide sono stati sequestrati e portati a Bengasi con a bordo i loro equipaggi.

I pescatori sicialiani sono stati bloccati a 40 miglia dalle coste africane dalle milizie del generale Haftar prima di essere trasferiti in carcere con l’accusa di aver invaso le acque territoriali libiche.

Pescatori siciliani in Libia: l’appello delle famiglie

E intanto in Italia, a Mazara del Vallo ci sono diciotto famiglie in attesa da tre mesi. Ci sono figli, mogli e madri che aspettano i loro uomini perchè nella città trapanese in ogni famiglia c’è almeno un parente o un amico pescatore.

L’ultima volta che i familiari sono riusciti a parlare con i pescatori detenuti in Libia, è stata lo scorso 11 novembre.

Adesso le famiglie chiedono aiuto direttamente al Governo: “Ci hanno detto che stano bene, ma vogliono tornare a casa per Natale o anche prima”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Contents.media