×

Bimba di 3 anni sonnambula morta per ipotermia: indagata la madre

In Russia, una bimba di 3 anni, Angelina, è morta per ipotermia dopo un episodio di sonnambulismo. Indagata la madre per omicidio per negligenza.

bimba sonnambula di 3 anni morta per ipotermia_censored

Angelina, 3 anni, è morta in Russia per assideramento, dopo essersi alzata nel cuore della notte in preda la sonnambulismo. A far luce su questa triste storia, gli inquirenti, che vogliono vederci chiaro sul coinvolgimento della madre.

Bimba sonnambula morta per ipotermia

A raccontare alla polizia come ha ritrovato il corpo privo di vita della figlia di 3 anni, è stata la madre della bambina, Svetlana Kuleshova, 23 anni: –“Ho messo a letto Angelina e si è addormentata prima di mezzanotte. Io e mio marito abbiamo guardato un po’ di TV e poi siamo andati a letto anche noi. Quando ci siamo svegliati la mattina dopo, non l’abbiamo trovata nel suo letto. L’abbiamo cercata e l’abbiamo trovata all’ingresso.

Era sdraiata sul pavimento”.

La famiglia della bambina, Angelina, vive a Satka, cittadina situata nell’Oblast’ di Čeljabinsk, nell’area dei Monti Urali. Stando alla ricostruzione dei genitori, Angelina avrebbe sofferto in modo periodico, di sonnambulismo, tanto che in alcune occasioni, avrebbero trovato la figlia fuori dal letto. La notte della tragedia però, avvenuta il 4 Dicembre scorso, nessuno dei due si sarebbe reso conto che Angelina avesse lasciato il letto, spostandosi in un corridoio della casa non riscaldato, in cui le temperature durante la notte, raggiungono i -15°C.

Sarebbe avvenuto in questo corridoio il ritrovamento della bambina la mattina seguente, da parte dei genitori, morta di ipotermia, in quanto a loro dire, non sarebe più riuscita a ritrovare la stanza della cameretta.

Sono comunque diversi i fatti che non convincono gli inquirenti, tanto che la polizia russa ha aperto un’indagine penale per omicidio per negligenza, nei confronti della madre, che rischia fino a due anni di carcere se condannata. Secondo la polizia, la madre non avrebbe raccontato il vero sui fatti accaduti quella notte, e in attesa di fare chiarezza, anche il secondo figlio della coppia è stato allontanato e posto sotto tutela dei servizi sociali.

Contents.media
Ultima ora