×

Covid, la Germania valuta prolungamento del lockdown fino al 31 gennaio

La Germania starebbe valutando l'ipotesi di estendere al 31 gennaio il lockdown in vigore dal 16 dicembre al fine di evitare una crescita dei casi.

germania lockdown 768x512

Secondo la stampa tedesca la Germania starebbe valutando l’ipotesi di estendere il lockdown in vigore dallo scorso 16 dicembre fino al prossimo 31 gennaio. Lo ha riportato la Bild nelle stesse ore in cui la cancelliera Angela Merkel si è riunita assieme ai rappresentati dei 16 lander del paese per discutere dei provvedimenti anti contagio da adottare il vista della fine delle festività natalizie.

Il lockdown attualmente in vigore dovrebbe terminare il 10 gennaio, anche se un eventuale mancato calo dei contagi potrebbe determinare una sua proroga fino alla fine del mese.

Germania, ipotesi proroga lockdown

Stando alle indiscrezioni riportate la cancelliera e i presidenti dei lander avrebbero già trovato l’accordo per il prolungamento del lockdown, ma l’effettiva ufficialità della cosa verrà comunicata soltanto nella giornata di martedì. Nel frattempo continuano a rimanere chiusi in tutto il territorio tedesco i bar, i ristoranti, le scuole e la gran parte delle attività commerciali per evitare il diffondersi del contagio.

La decisione di prolungare le restrizioni è stata particolarmente sostenuta dai lander della Sassonia, della Turingia e della Baviera, che in queste ultime settimane hanno registrato un elevato numero di nuovi contagi nonostante le contromisure prese. Nelle ultime 24 ore, la Germania ha registrato 9.847 nuovi contagi e 302 decessi.

Analoghe misure in Austria

Andando di pari passo con la vicina Germania, anche il governo austriaco ha deciso per la proroga del lockdown fino al 24 gennaio, scartando così la precedente ipotesi di riaprire il 18 gennaio soltanto per quelle persone che fossero risultate negative al test.

La proposta per uno screening di massa da eseguire nelle giornate del 16 e del 17 gennaio è stata infatti bocciata dal parlamento di Vienna.

Contents.media
Ultima ora