×

Task Force Casa Bianca: “Circolerebbe variante americana contagiosa”

Lo rivela la task force della Casa Bianca: “Potrebbe circolare una variante covid americana più contagiosa”.

casa bianca nuova variante americana
casa bianca nuova variante americana

Negli Stati Uniti si sarebbe diffusa una nuova mutazione del Coronavirus che sarebbe più contagiosa e aggressiva. Ad annunciarlo è la Task Force alla Casa Bianca. Stando a quanto diffuso dai media locali i rapporti della Task Force ed inviati agli Stati risale allo scorso gennaio.

“Questa accelerazione dei contagi suggerisce che potrebbe esserci una variante USA che si è evoluta qui, in aggiunta alla variante del Regno Unito che si sta già diffondendo nella nostra comunità e può essere il 50% più contagiosa”, è riportato nel documento diffuso dalla task force e citato dalla CNN. Alla luce di ciò è evidente che la situazione dei contagi potrebbe complicarsi ancora di più in seguito alla diffusione della variante inglese che si è diffusa nel giro di poco tempo in Europa.

Casa Bianca, nuova variante americana

Oltre alla nuova variante inglese che dal Regno Unito si è diffusa in buona parte d’Europa, si sarebbe sviluppata una nuova variante questa volta negli Stati Uniti. Ad annunciare l’esistenza di questa “nuova variante” è la task force della Casa Bianca che ha inviato un rapporto ai vari Stati risalente lo scorso gennaio.

Nel report che è stato citato da CNN si è sottolineato come questa nuova variante statunitense sia il 50% più contagiosa: “Questo aumento riscontrato nel periodo tra l’autunno e l’inverno ha riportato quasi il doppio del tasso di aumento dei casi rispetto ai picchi primaverili ed estivi.

Tale accelerazione suggerisce che potrebbe esserci una variante USA che si è evoluta qui, oltre alla variante del Regno Unito che si sta già diffondendo nella nostra comunità e può essere il 50% più contagiosa”.

Nel frattempo la situazione dei contagi negli Stati Uniti non accenna a fermarsi con lo Stato della California che ha riscontrato il maggior numero di casi ogni 100.000 abitanti. Nel rapporto è stato infine evidenziato quanto sia importante imunizzare gli over 65: “Non ritardiamo la rapida immunizzazione degli over 65 e vulnerabili a malattie gravi; raccomandiamo la creazione di siti di vaccinazione ad alto rendimento con l’uso di personale EMT per monitorare la potenziale anafilassi e utilizzare completamente gli studenti infermieri. Nessun vaccino dovrebbe essere nel congelatore, ma dovrebbe invece essere messo in azione ora; l’immunizzazione attiva e aggressiva di fronte a questa ondata salverebbe vite “.

Contents.media
Ultima ora