×

Morto il banchiere Benjamin de Rothschild, aveva 57 anni

Condividi su Facebook

É morto a causa di un infarto, il banchiere Benjamin de Rothschild a soli 57 anni. A darne l'annuncio la moglie e le figlie.

morto il barone rothschild, a causa di un infarto. Aveva 57 anni

É morto nella sua casa di Pregny, Ginevra, il barone Benjamin de Rothschild. Il decesso è avvenuto a seguito di un infarto. Addolorate, ne danno il triste annuncio la moglie e le figlie.

Morto il banchiere Benjamin de Rothschild

Il banchiere Benjamin de Rothschild, è morto ieri all’età di 57 anni, nella sua casa di Pregny, in Svizzera, a seguito di un infarto.

A darne l’annuncio la moglie Ariane e le figlie: “Ariane de Rothschild e le sue figlie sono profondamente addolorate di dover annunciare la morte del marito e padre, Benjamin de Rothschild, in seguito ad un infarto cardiaco nella casa di famiglia a Pregny (GE) nel pomeriggio del 15 gennaio 2021″.

La storia del gruppo de Rothschild

Il barone era il presidente dal 1997, ossia dalla morte del padre, Edmond de Rothschild, del gruppo Edmond de Rothschild Holding SA.

I suoi genitori, Edmond e Nadine, 88 anni, durante la seconda guerra mondiale scapparono in Svizzera, e qui nel 1953, il barone Edmond fondò quella che sarebbe divenuto con gli anni, uno dei più grandi gruppi specializzati nel private banking e nella gestione patrimoniale. Il gruppo ha sede a Ginevra, con filiali in 33 Paesi, e circa 2700 dipendenti, oltre a poter contare su un patrimonio da capogiro: 173 miliardi di franchi, pari a 194 miliardi di dollari; mentre secondo le stime di Forbes, il patrimonio di Benjamin de Rothschild si aggira intorno ai 1.5 miliardi di euro. 

I de Rothschild nella loro storia, sono sempre stati dei banchieri, per circa 300 anni hanno amministrato le più importanti banche europee.

Ma oltre all’essere banchieri, sono stati anche dei grandi filantropi, e l’erede ormai scomparso Benjamin, non ha fatto eccezione. Oltre ad essere coinvolto con la moglie Ariane nell’innovazione tecnologica dell’ospedale della Fondazione Adolphe de Rothschild, il barone Benjamin aveva deciso di fare un passo indietro nella gestione degli affari finanziari, lasciandoli comunque nelle mani capaci della moglie Ariane, per dedicarsi alle sue passioni: la vela, il vino e l’automobilismo.

Il grande impegno nella vela

Sempre con la moglie, aveva deciso nel lontano 2000, di proseguire la saga di Gitana iniziata dalla sua pro-prozia Julie de Rothschild e da suo padre, tanto da creare il Team Gitana. Grazie alla sua voglia di profonda innovazione, è riuscito in breve tempo a trasformare un hobby di famiglia, la vela, in una scuola in grado di primeggiare con i migliori, tanto da aver vinto la Route du Rhum, la Transat inglese, la Rolex Fastnet Race, la Transat Jacques Vabre, e l’Orma Grand Prix, con lo stesso Benjamin facente parte dell’equipaggio. Attualmente l’equipaggio del Maxi Edmond de Rothschild è coinvolto nel tentativo di record sul giro del mondo a vela, nel Trofeo Jules Verne.

Un pensiero a questo grande personaggio e alla sua famiglia, arriva anche dallo stesso Team del Maxi Edmond: -“È con grande emozione e profonda tristezza che il Team Gitana annuncia la morte di Benjamin de Rothschild a seguito di un infarto nella sua casa di Pregny (Svizzera), nel pomeriggio del 15 gennaio 2021. I primi pensieri dei marinai e dei membri della Gitana vanno alla moglie Ariane de Rothschild e ai suoi figli, nonché a tutta la sua famiglia e ai suoi cari ai quali inviano le loro più sincere condoglianze”.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora