×

Spagna, uomo stupra e mette incinta la figlia minorenne: condannato

Condividi su Facebook

Ha abusato della ragazzina per un anno e mezzo e la minacciava affinché non raccontasse nulla alla madre.

stupra-e-mette-incinta-figlia-minorenne
stupra-e-mette-incinta-figlia-minorenne

Spagna, uomo stupra e mette incinta la figlia minorenne. Il tribunale di Murcia lo condanna a 15 anni di reclusione e al pagamento di un risarcimento molto salato.

Stupra e mette incinta figlia minorenne

È accaduto in Spagna, nella città di Murcia: un padre ha abusato della figlia minorenne ripetutamente per un arco di tempo pari a un anno e mezzo.

La minore è rimasta incinta e l’uomo è stato ora condannato dal tribunale spagnolo a 15 anni di carcere.

Gli stupri sono avvenuti tra l’agosto del 2016 e il gennaio del 2018. L’uomo approfittava dell’assenza in casa della moglie e madre della bambina per abusare della figlia. Con minacce e violenza aveva obbligato la piccola a non denunciare e a mantenere il silenzio, altrimenti avrebbe lasciato sola la madre.

In tribunale ha testimoniato contro l’uomo anche la moglie e madre della vittima. La donna ha raccontato che una volta venuti a conoscenza della gravidanza da parte della figlia, l’uomo non era apparso né sorpreso, né desideroso di capire chi fosse il padre del bambino in grembo.

A questo punto la figlia ha scelto di raccontare tutto alla madre della drammatica situazione che da un anno e mezzo viveva in casa.

La donna credeva che a mettere incinta la figlia fosse stato un coetaneo, ma poco dopo ha conosciuto la tragica realtà. La ragazza si è poi sottoposta a intervento per interrompere la gravidanza.

Il tribunale di Murcia ha accertato che l’uomo ha abusato della figlia “in modo persistente e reiterato“. Adesso, a distanza di quattro anni, si è giunti alla sentenza definitiva nei confronti dello stupratore. L’uomo è stato condannato a 15 anni di galera e ad altri cinque anni di libertà vigilata. Per i successivi 15 anni, inoltre, avrà il divieto assoluto di avvicinarsi alla famiglia e, in più, il pagamento di un risarcimento di 60 mila euro.

Messinese, classe 1993, laureata magistrale in "Media, comunicazione digitale e giornalismo” presso La Sapienza di Roma. Collabora con “Auralcrave”, “Che tv fa”, “Metropolitan Magazine”.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Maria Zanghì

Messinese, classe 1993, laureata magistrale in "Media, comunicazione digitale e giornalismo” presso La Sapienza di Roma. Collabora con “Auralcrave”, “Che tv fa”, “Metropolitan Magazine”.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora