×

Partorisce 4 gemelli, conto salato: deve lasciarne due in ospedale

Virginia Adhiambo ha partorito 4 gemelli in Kenya, ma il conto era troppo salato ed è stata costretta a lasciarne due in ospedale.

Virginia Adhiambo
Virginia Adhiambo

Virginia Adhiambo è una donna del Kenya, la cui storia sta facendo il giro del mondo. La donna ha partorito 4 gemelli lo scorso febbraio, ma il conto era troppo salato ed è stata costretta a lasciarne due in ospedale. Ora sta aspettando di poter riabbracciare i suoi bambini.

La storia di Virginia Adhiambo

Virginia Adhiambo aveva cercato per lungo tempo di avere un figlio, senza riuscirci. Dopo essersi sottoposta ad un trattamento medico ha scoperto di essere incinta di quattro gemelli, ma le cose non sono andate come sperava. Successivamente al parto, la donna ha scoperto che il conto per le sue cure e quelle dei bambini era arrivato ad una cifra molto alta, tanto da costringerla a lasciare due gemellini in ospedale.

La donna ha partorito lo scorso febbraio ed è rimasta ricoverata in un ospedale di Nairobi più a lungo del previsto a causa delle conseguenze del parto. Virginia è entrata in travaglio a 31 settimane di gravidanza e durante il parto ha sviluppato delle complicazioni, tanto da dover essere trasferita in terapia intensiva, mentre i suoi bambini venivano nutriti con il latte artificiale.

Le cure mediche sono diventate non solo più lunghe, ma anche più costose, vista anche la contemporanea esigenza di incubatrici per i quattro bimbi.

Il conto è salito troppo per le possibilità di Virginia e del suo compagno. La coppia si è ritrovata a pagare un conto di quasi 30mila euro, che la loro assicurazione ha coperto solo in minima parte. Dopo un accordo con l’ospedale per dilazionare i pagamenti, la mamma e i due bambini che stavano meglio hanno potuto lasciare l’ospedale all’inizio di marzo. Gli altri due sono rimasti in ospedale in attesa che la coppia abbia i mezzi economici per portarli via.

Il problema è che rimanendo in ospedale, il conto continua a salire e proprio per questo la famiglia ha dovuto chiedere un aiuto per pannolini e latte artificiale, in modo da prendersi cura dei piccoli a casa e mettere da parte i soldi per l’ospedale.

Contents.media
Ultima ora